VITA

L'usura si combatte sui banchi di scuola

9 Febbraio Feb 2007 0100 09 febbraio 2007

Progetto della provincia di Palermo

  • ...
  • ...

Progetto della provincia di Palermo

Combattere e prevenire la piaga dell'usura dai banchi di scuola. E' l'obiettivo del progetto promosso dalla Provincia regionale di Palermo, che ha come punto di partenza e strumento l'insegnamento dei fondamenti dell'economia, per comprendere i principali meccanismi che possono portare all'indebitamento delle famiglie. L'iniziativa e' stata presentata dall'assessore provinciale Giuseppe Colca, titolare delle deleghe per l'antiracket e l'antiusura. Sono intervenuti, tra gli altri, Fabio Picciolini, segretario nazionale Adiconsum, con il segretario regionale, Benedetto Romano; Giovanna Vanella (Banca d'Italia), Donata Monti (Associazione bancaria italiana), Salvatore Cecala (Centro servizi amministrativi, ex Provveditorato), il maggiore della Guardia di finanza Giovanni Salerno, il tenente colonnello del Comando territoriale carabinieri di Palermo, Andrea Taurelli Salimbeni, il dirigente del settore Attivita' produttive della Provincia, Filippo Spallina. Sei le scuole superiori coinvolte, 4 nel capoluogo e 2 in provincia: a Palermo, il Tecnico-commerciale ''V.Pareto'', lo scientifico ''Einstein'', il classico ''Umberto I'', l'istituto superiore comprensivo ''Maria Adelaide''; in provincia, il Tecnico-commerciale ''G.Salerno'' di Gangi, il Tecnico-commerciale per geometri ''D.C. Di Vincenti'' di Bisacquino, con la sezione coordinata di Corleone. Gli istituti sono stati selezionati dalla Direzione scolastica regionale.

Il progetto si articola in nove fasi, da un avvio piu' strettamente didattico alle iniziative che coinvolgono l'inventiva e la creativita' dei ragazzi. Si parte a fine mese con la selezione di 30 allievi per istituto (180 in tutto, studenti del penultimo anno), che, sotto la guida di un docente-coordinatore, tra marzo e aprile, parteciperanno a corsi di 12 ore per ogni scuola (72 in totale): 8 ore dedicate a temi di economia, 4 a temi legati alla cultura della legalita'. Le lezioni verranno curate da esperti di Economia e Diritto: a coordinare i corsi saranno l'Adiconsum (per 48 ore) e, per le restanti 24, gli altri enti e associazioni coinvolti nel progetto (tra cui la Federconsumatori e la Camera di commercio). Al termine di questa prima fase ogni istituto, con la sua ''squadra'' di partecipanti, costituira' un info point anti-usura con opuscoli e materiale informativo messo a disposizione dalla Provincia. In ogni scuola ci sara' dunque una zona franca dove i ragazzi potranno confrontare esperienze e informazioni, che saranno poi divulgate a maggio nel corso di iniziative e campagne di sensibilizzazione pubbliche, anche con la distribuzione di gadget. ''Il nostro obiettivo - spiega l'assessore Colca - e' l'azione di prevenzione, che, nell'ambito di un intervento piu' ampio delle associazioni di categoria, della magistratura, del sistema produttivo, puo' efficacemente contribuire a combattere il fenomeno del sovraindebitamento e dell'usura".