Adozioni e Affido

Michela Murgia e il "fillus de anima"

17 Settembre Set 2010 0200 17 settembre 2010

  • ...
675Dfc1e2e63f3a9b17e755860720d27
  • ...

Con Accabadora (Einaudi) Michela Murgia ha vinto la 48esima edizione del Premio Campiello 2010. L'avevamo intervistata all'indomani dell'uscita del suo libro, in cui ha fatto un ritratto intenso, appassionato della sua Sardegna e del sistema sociale che per secoli ha protetto i bambini attraverso un'affiliazione in cui venivano definiti "fillus de anima". Ecco l'incipit del romanzo.

Fillus de anima. È così che li chiamano i bambini generati due volte, dalla povertà di una donna e dalla sterilità di un'altra. Di quel secondo parto era figlia Maria Listru, frutto tardivo dell'anima di Bonaria Urrai.
Quando la vecchia si era fermata sotto la pianta del limone a parlare con sua madre Anna Teresa Listru, Maria aveva sei anni ed era l'errore dopo tre cose giuste. Le sue sorelle erano già signorine e lei giocava da sola per terra a fare una torta di fango impastata di formiche vive, con la cura di una piccola donna. Muovevano le zampe rossastre nell'impasto, morendo lente sotto i decori di fiori di campo e lo zucchero di sabbia. Nel sole violento di luglio il dolce le cresceva in mano, bello come lo sono a volte le cose cattive. Quando la bambina sollevò la testa dal fango, vide accanto a sé Tzia Bonaria Urrai in controluce che sorrideva con le mani appoggiate sul ventre magro, sazia di qualcosa che le aveva appena dato Anna Teresa Listru. Cosa fosse con esattezza, Maria lo capì solo tempo dopo.
Andò via con Tzia Bonaria quel giorno stesso, tenendo la torta di fango in una mano, e nell'altra una sporta piena di uova fresche e prezzemolo, miserabile viatico di ringraziamento.