SANITA'

Trapianti: summit del sistema Veneto

30 Novembre Nov 2011 1254 30 novembre 2011

E’ un vero e proprio “summit” ai massimi livelli quello che venerdì prossimo 2 dicembre, vedrà riunirsi i diversi attori del sistema trapianti del Veneto per fare il punto della situazione

  • ...
  • ...

E’ un vero e proprio “summit” ai massimi livelli quello che venerdì prossimo 2 dicembre, vedrà riunirsi i diversi attori del sistema trapianti del Veneto per fare il punto della situazione

L’appuntamento, al quale interverranno tra gli altri l’assessore regionale alla sanità Luca Coletto, il responsabile del Centro Nazionale Trapianti Alessandro Nanni Costa, il coordinatore del Centro Regionale Francesco Calabrò, i rappresentanti delle Ullss e aziende ospedaliere, dei centri trapianti della rete ospedaliera regionale, delle fondazioni e delle associazioni di volontariato, inizierà alle ore 15.00 a Villa Nievo Bonin Longare, in viale Europa 12 a Montecchio Precalcino, in provincia di Vicenza.

«Si tratterà di un momento di confronto a 360 gradi molto importante – sottolinea Luca Coletto – nel quale valuteremo i risultati ottenuti in questo anno di attività e porremo le basi per il lavoro futuro, partendo peraltro da un’annata che presenta aspetti di soddisfazione non indifferenti».

Nel primo semestre 2011, secondo le rilevazioni del Centro Regionale Trapianti, sono aumentati del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente sia i donatori segnalati che i prelievi utilizzati. I trapianti sono passati da 171 a 179, con un notevole aumento (da 13 a 22) di quelli di cuore. Vistoso il dato fornito dalla Banca degli Occhi del Veneto: da gennaio a giugno sono state donate e raccolte 2000 cornee, record assoluto, e grazie a questo il Veneto soddisfa circa il 50% del fabbisogno nazionale.

«Estremamente significativo e positivo – secondo Coletto – il dato relativo ai rifiuti alla donazione», che sono scesi dal 32% del 2010 al 17,5% dei primi sei mesi del 2011.