infanzia

Il primo reparto sicuro di neurospichiatria infantile

26 Marzo Mar 2013 1151 26 marzo 2013

Grazie alla collaborazione con Abio, Lottomatica e Virtus Roma, il reparto del Bambin Gesù è il primo in Italia conforme agli standard di sicurezza internazionali

  • ...
Ospedale Bambino Gesu
  • ...

Grazie alla collaborazione con Abio, Lottomatica e Virtus Roma, il reparto del Bambin Gesù è il primo in Italia conforme agli standard di sicurezza internazionali

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, quasi un bambino su cinque soffre di una malattia psichiatrica. In Italia la depressione colpisce 1 ragazzo su 10 e il suicidio è la seconda causa di morte tra gli under 20, dopo gli incidenti stradali. In tutta Italia esistono 80 posti letto dedicati alla psichiatria infantile: molto spesso così il minore con disturbo psichiatrico acuto trova ricovero in strutture non specialistiche, dalla pediatria ai servizi psichiatrici per adulti, con risposte spesso inadeguate e spesso traumatiche per il bambino.

Da ieri l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma ha il primo reparto in Italia di Neuropsichiatria infantile conforme a standard internazionali. Stanze e ambienti senza spigoli, mobili fissati a terra, docce senza cipolla, vetri antisfondamento, porte di sicurezza e senza maniglie: il nuovo reparto è il primo in Italia ad aver ottenuto il riconoscimento d’idoneità dalla Joint Commission International, una delle più importanti organizzazioni indipendenti a livello mondiale incaricata di valutare gli standard di qualità e sicurezza in ambito ospedaliero. L’obiettivo? Tutelare l’incolumità dei pazienti e degli operatori che ci lavorano ed evitare episodi di ferimento e atti di autolesionismo da parte dei bambini e dei ragazzi ricoverati.

Il reparto del Bambino Gesù ha 8 posti letto (il 10% su scala nazionale), di cui 3 per adolescenti con stato di agitazione psicomotoria, il reparto è stato ristrutturato di recente dal Bambino Gesù secondo gli standard internazionali per tutelare l’incolumità dei pazienti e degli operatori che ci lavorano.

Gli arredi delle stanze e della sala polifunzionale sono stati realizzati da ABIO Roma - Associazione per il Bambino in Ospedale Onlus, con il sostegno di Lottomatica grazie al Gioco del Lotto e Pallacanestro Virtus Roma tramite il progetto “Il Basket vede con il cuore”, finanziato con una donazione legata al punteggio realizzato dalla squadra nelle partite di campionato. I volontari ABIO, appositamente formati, prestano già servizio nel reparto. Un gruppo di disegnatori professionisti, coordinati dal fumettista Gianfranco Tartaglia (in arte Passepartout), ha decorato i pannelli che renderanno il reparto più accogliente e adeguato ai ragazzi. Lo studio di animazione Matitanimata ha realizzato “in diretta” un breve corto animato con i disegni prodotti ragazzi nel corso della conferenza stampa.

«Con la ristrutturazione del nuovo reparto di neuropsichiatria infantile l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù tenta di dare una risposta a un bisogno di salute importante, che in Italia resta troppo spesso privo di assistenza adeguata, pur a fronte di una domanda molto alta – dice Giuseppe Profiti, presidente del Bambino Gesù - L'accoglienza e la cura dei ragazzi che presentano disturbi psichiatrici richiede un’attenzione particolare alla sicurezza dei pazienti ricoverati e degli operatori sanitari. L'impegno costante dell'Ospedale è di adeguare le proprie strutture e le proprie procedure agli standard internazionali».

«Siamo contenti dei risultati ottenuti grazie a questa collaborazione - commenta Eugenio Bernardi, presidente ABIO Roma onlus - Grazie a Lottomatica e Virtus Roma e a tutti coloro che crederanno nei nostri progetti, sempre più bambini e adolescenti potranno ricevere il sorriso di un volontario ABIO ed essere ricoverati in ambienti pensati per loro. Questa collaborazione è una ulteriore conferma di un rapporto etico e costruttivo che si va sempre più diffondendo tra il mondo delle aziende e quello del volontariato».