Azzardo & Scuola

Non chiamatelo gioco

22 Novembre Nov 2013 1135 22 novembre 2013

23 Comuni, della provincia di Varese con l’associazione Azzardo e Nuove Dipendenze hanno promosso il Concorso “Non chiamatelo gioco” finalizzato a produrre brevi slogan e messaggi SMS di allerta circa i rischi del gioco d’azzardo legale. Prodotti dagli studenti 134 slogan che sono stati ammessi a concorso. Inoltre, sono stati presentati 42 elaborati grafici

  • ...
998110 10151667016455783 2033039395 N
  • ...

23 Comuni, della provincia di Varese con l’associazione Azzardo e Nuove Dipendenze hanno promosso il Concorso “Non chiamatelo gioco” finalizzato a produrre brevi slogan e messaggi SMS di allerta circa i rischi del gioco d’azzardo legale. Prodotti dagli studenti 134 slogan che sono stati ammessi a concorso. Inoltre, sono stati presentati 42 elaborati grafici

Sono più di un milione gli studenti che nel 2012 riferiscono di aver giocato soldi secondo lo studio Espad- Italia 2012 del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa. La ricerca stima che siano 100 mila gli studenti che già presentano un profilo di rischio moderato e 70 mila quelli con una modalità di gioco problematica. Lo dice anche l'indagine sulla condizione dei minori 2012 di Eurispes e Telefono Azzurro: il gioco a soldi coinvolge il 12% degli adolescenti (il 2,5% gioca spesso). La percentuale sale al 27% nel caso di gioco non online, soprattutto "gratta e vinci". L’Organizzazione Mondiale della Salute ha stabilito che il disturbo da gioco d’azzardo è una malattia e che va curata dal servizio sanitario italiano come qualsiasi altra forma di dipendenza.

In Italia il gioco d'azzardo è vietato ai minori di 18 anni ma nei fatti non è per niente così. Lo dimostrano gli esiti delle ispezioni della Guardia di Finanza, i frequenti servizi giornalistici e le numerose richieste di interventi di sensibilizzazione, formazione e prevenzione che ogni anno pervengono dalle Scuole all’associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze.

Per questo il COORDINAMENTO CONTRO OVERDOSE DA GIOCO D’AZZARDO, composto da 23 Comuni, dall’Ufficio di Piano di zona di Gallarate e dall’associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze, al fine di promuovere una sensibilizzazione del territorio ed in particolare delle giovani generazioni sui rischi del gioco d’azzardo, ha promosso il Concorso “Non chiamatelo gioco” finalizzato a produrre brevi slogan e messaggi SMS di allerta circa i rischi del gioco d’azzardo legale (da utilizzarsi come messaggi variabili nelle lavagne luminose comunali o in altre occasioni).

I gruppi classe delle scuole della provincia di Varese che hanno aderito al concorso, guidati da un insegnante referente, hanno elaborato brevi slogan preventivi (sotto forma di SMS o messaggi per lavagne a scorrimento, come quelle che si trovano nelle nostre città) in relazione al tema del gioco d’azzardo a seguito di un momento di lavoro all’interno della classe.

Nonostante sia vietato, il gambling minorile è in costante aumento. Inoltre, la pubblicità non selettiva e programmi di “prevenzione” direttamente offerti alle scuole dagli industriali di giochi d’azzardo legali ci fanno temere una nuova offensiva ai danni delle giovani generazioni pari a quella già vista negli anni passati, per arruolarli nelle file dei consumatori al compimento del loro 18 esimo anno di età. Per questo, il Coordinamento conto Overdose da gioco d’azzardo ha lanciato questa iniziativa che ha consentito agli allievi un momento per riflettere sul tema in modo critico e che consentirà di riprendere e utilizzare gli slogan dei ragazzi anche sui siti comunali e in altre occasioni per creare una cultura più consapevole in relazione a tale tema.

L’ADESIONE È STATA MASSICCIA. IN TOTALE HANNO PARTECIPATO AL CONCORSO:

7 scuole secondarie di primo e secondo grado 21 Classi 18 Docenti referenti 402 Alunni coinvolti. Nello specifico:

1 SCUOLA SUPERIORE – Liceo Marie Curie (Tradate) 9 CLASSI COINVOLTE (indirizzo classico, scientifico, scienze umane) dalla prima alla quinta. 3 docenti referenti: Prof.sse Avanzini, Ricciarelli e Prof. Compagnoni. 195 alunni coinvolti

6 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO (Marnate, Ferno, San Macario, Castellanza, Lonate Pozzolo) 12 CLASSI COINVOLTE (seconde e terze) 15 INSEGNANTI REFERENTI: Prof. Macchi, Steccazzini, Sartori, Clemenza, Canziani, Ferrazzi , Ferrario, Poretti ,Guglielmi, Dal Cengio, Maroni, Biotti, Marano, Tommasone, Broggi 207 STUDENTI COINVOLTI

Hanno inviato 134 SLOGAN che sono stati ammessi a concorso. Inoltre, sono stati presentati 42 elaborati grafici (per i quali – visto che esulavano dai criteri del bando - sono state considerate alcune menzioni d’onore del CCOGA).

LA GIURIA

Era composta da 19 persone, scelte in ambiti diversi: 5 membri dell’Associazione AND – Azzardo e Nuove Dipendenze esperti di gioco d’azzardo (3 psicologi Capitanucci, Smaniotto, Biganzoli, un medico Avanzi, una counselor Bassi), 4 membri dei comuni aderenti al coordinamento (Brusotti e Passerini, Sommaruga – Ass. Serv. Sociali Castellanza e Roncoroni Rossi, sindaco Lavena Ponte Tresa), 5 giornalisti ed esperti della comunicazione (Manuela Lozza, scrittrice de “Il dolce signor niente”, Roberto Troian, giornalista del TG3 Lombardia, Alessandra Toni giornalista di Varesenews, Chiara Frangi giornalista su La Provincia di Varese, e Claudio Micalizio giornalista di Radio Montecarlo), esperti di gioco d’azzardo del vicino Cantone Ticino (Tazio Carlevaro e Annamaria Sani), due ragazze coetanee dei giovani studenti che hanno partecipato al concorso (Giulia e Bea) e un esponente della società civile (Stigliano, presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Varese). Tutti gli slogan pervenuti in tempo utile sono stati valutati da ciascun giurato con punteggi da 1 (minimo) a 10 (massimo). Gli slogan con punteggio più elevato si sono classificati in cima alla graduatoria. Ai primi 4 è stato conferito un premio e a tutti un attestato di partecipazione.

LA PREMIAZIONE

La premiazione si terrà il 23 novembre dalle 10 alle 12 presso l’Aula magna della sede principale del Liceo Statale "Marie Curie" in Via Monsignor Brioschi (angolo Via Oslavia) a Tradate (VA). Sono stati invitati tutti i sindaci aderenti al coordinamento, oltre agli assessori interessati e i tecnici. Hanno per ora confermato la loro presenza Albino Montani (Vice sindaco Samarate), Cristina Galimberti (Sindaco di Buguggiate), Ausilia Angelino (Ass. Lonate Pozzolo), Matteo Sommaruga (Ass. Servizi Sociali, in rappresentanza del Sindaco di Castellanza), Attilio Fontana (Sindaco di Varese e presidente ANCI Lombardia), possibile la partecipazione del sindaco di Azzate, mentre hanno comunicato la presenza di delegati del Sindaco dei Comuni di Cairate, Morazzone e Mornago. Invitati anche i soci di AND e le persone sensibili al tema dell’azzardo.