protezione civile

«Emergenza alluvioni, i volontari vanno chiamati per tempo»

10 Novembre Nov 2014 2008 10 novembre 2014

Italia sott'acqua. E Nel centro-nord le previsioni danno ancora pioggia nei prossimi giorni. Parla il direttore dell'Ugem delle Misericordie

  • ...
457054086
  • ...

Italia sott'acqua. E Nel centro-nord le previsioni danno ancora pioggia nei prossimi giorni. Parla il direttore dell'Ugem delle Misericordie

Continua a pivere sul nord d'Italia. E le previoni per le prossime ore non lasciano tranquillo Piergiorgio Salvatori, direttore delllUgem (Ufficio gestione emergenze di massa) delle Misericordie: «Siamo sempre in allarme»

Viste le nuove ondate di maltempo, quanto siete preoccupati?
La preoccupazione è una costante. Stiamo sempre sul chi va. Sappiamo bene che questi sono mesi critici sul fronte nubifragi. Arrivano ondate di piena e rompono gli argini dei fiumi, determinano il collasso dei sistemi fluviali, poi si verificano le catastrofi.

Quali sono le zone, secondo lei, che necessitano di un grado d'allerta più alto?
Il rischio piogge violente riguarda molte zone del paese, ma dopo le ultime allerte meteo, le regioni che ci preoccupano di più sono sicuramente il Piemonte, la Liguria e la Toscana.

Pensate di intervenire a breve?
Il nostro sistema è collaudato. Abbiamo 706 centrali operative su tutto il territorio nazionale. Noi lavoriamo in base a un principio di sussidiarietà: è necessario sviluppare una comunicazione chiara e continua dal sistema del più piccolo comune fino a quello nazionale. Il comune valuta il problema, in base alla gravità il caso passa nelle mani della provincia e poi della regione. È la regione che valuta la necessità o meno di richiamare l'attenzione e richiedere il supporto delle autorità nazionali.

Come potrebbe essere agevolato il vostro lavoro sul territorio?
Di fondamentale importanza per noi è l'immediatezza. Prima veniamo avvisati e meglio riusciamo ad agire. Questo significa essere disponibili nel momento del bisogno. È inutile farsi prendere dall'ansia, quando il sistema di protezione civile non è governato bene si sfocia nel disordine e nell'anarchia. Noi invece dobbiamo ottenere il prima possibile informazione precise per inviare le squadre di soccorso.