RACCOLTA FONDI

San Patrignano, 45508 motivi per sostenere le attività della Fondazione

23 Febbraio Feb 2015 1521 23 febbraio 2015

Dura fino al 7 marzo 2015 la nuova campagna di fundraising della Comunità nata nel 1978 tra le colline riminesi e che oggi ospita 1100 persone in recupero dalla tossicodipendenza. Numerosi i testimonial e gli eventi collegati

  • ...
San Patrignano SMS L
  • ...

Dura fino al 7 marzo 2015 la nuova campagna di fundraising della Comunità nata nel 1978 tra le colline riminesi e che oggi ospita 1100 persone in recupero dalla tossicodipendenza. Numerosi i testimonial e gli eventi collegati

"Se non ci fosse... io non ci sarei”. E’ una delle frasi che più facilmente si possono sentire a San Patrignano. Non a caso è il titolo della nuova campagna raccolta fondi della Comunità. Fino al 7 marzo per aiutare la Comunità a portare avanti il suo impegno, sarà sufficiente inviare un SMS da cellulare al numero solidale 45508 per donare 2 euro, o chiamare da rete fissa per donare 2 o 5 euro. Una campagna che si tiene grazie al supporto delle compagnie telefoniche TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce, TeleTu, TWT, Telecom Italia e Fastweb.

San Patrignano dal 1978 è un punto di riferimento per i ragazzi con problemi di tossicodipendenza e disagio sociale. Oltre 25mila quelli ospitati dalla sua fondazione (1300 quelli presenti attualmente con una percentuale di recupero del 72%), tutti accolti in maniera completamente gratuita. La Comunità risponde a tutte le loro necessità, comprese le cure mediche, senza chiedere nulla né alle loro famiglie, né allo Stato, visto che da sempre non accetta le rette pubbliche, facendogli così risparmiare 30 milioni di euro.

A fronte di questo, la comunità, con i suoi 1300 ospiti, necessita di non pochi aiuti per poter garantire il suo corretto funzionamento. Solo per fare un esempio delle spese di gestione, ogni giorno in comunità si consumano 100 chili di pane al giorno, 150 di pasta e 120 di carne per ogni pasto in cui è prevista.

Per sostenere queste e tante altre spese, per un 50 per cento San Patrignano si autosostiene attraverso le attività portate avanti nei suoi settori, dall’enogastronomia all’artigianato, e per il restante 50 si deve affidare alle donazioni di privati e realizzare specifici progetti di raccolta fondi. In questo si inserisce la campagna "Se non ci fosse... io non ci sarei”, che nello specifico permetterà alla Comunità di ristrutturare un edificio abitativo da cui saranno ricavati nuovi spazi comodi, funzionali e luminosi per 144 posti letto su una superficie totale di circa 1.700 mq.

“Se non ci fosse... io non ci sarei” conta testimonial illustri quali Pippo Baudo, Lino Banfi, Carlton Myers, Javier Zanetti, Alessandro Costacurta, Massimo Ambrosini, Demetrio Albertini, Andrea Lucchetta, lo chef Davide Oldani, il fiorettista Valerio Aspromonte, la pallavolista Francesca Piccinini, la pattinatrice Arianna Fontana, il boxeur Matteo Signani.

A sostenere l’iniziativa le emittenti televisive Mediaset (sulle cui reti la campagna sarà ospitata dal 22 al 28 febbraio), Rai (2 al 7 marzo), Sky (in occasione della 24a giornata del campionato di calcio di Serie A), le reti sul digitale terrestre di Discovery Channel, San Marino Rtv, le tv areali di AssistGroup e tante emittenti locali. Fra le radio a sostegno della campagna Deejay e Montecarlo.

Partner ufficiali dell’iniziativa saranno Serravalle Outlet, che veicolerà la campagna raccolta fondi all’interno del suo centro, Almaverde Bio Market, i cui clienti dal 16 febbraio al 15 marzo potranno devolvere 1 euro presso le casse dei punti vendita, e Iper-la grande I, i cui clienti dal 2 al 31 marzo di potranno donare 2 euro presso le casse. A sostenere la campagna attraverso la cartellonistica anche Sea Aeroporti Milano.

Grande attenzione alla campagna di raccolta fondi anche dal mondo sportivo. Ad esser vicina a San Patrignano in primis la Lega calcio Serie A, che promuoverà la campagna in occasione della 24° giornata di campionato, assieme ad AIA - Associazione italiana arbitri ed ad AIAC -Associazione italiana allenatori calcio e GSport. A sostenere la campagna infine anche Lega pallavolo serie A maschile (incontri del 22 febbraio e 1 marzo), Lega pallavolo serie A femminile e Master Group Sport (in occasione delle finali di Coppa Italia il 28 febbraio e 1 marzo), la Federazione italiana Rugby, la Lega Pro Boxe, OPI 2000 e il Teatro Principe (in occasione dell’incontro per il titolo Europeo superleggeri del 28 febbraio).