Dixan Conf Milano 0001A
Minori

Dixan torna a sostenere Ai.Bi.

26 Marzo Mar 2015 1258 26 marzo 2015
  • ...

Fino a metà maggio in 20 città italiane e per un totale di 100 scuole selezionate e più di 30.000 bambini coinvolti verrà portato avanti il progetto per la raccolta di indumenti usati Mettiti nei miei panni

È cominciata la XV edizione dell’iniziativa “Dixan per la Scuola” e come l’anno scorso a beneficiarne sarà Ai.Bi. Fino a metà maggio in 20 città italiane e per un totale di 100 scuole selezionate e più di 30.000 bambini coinvolti verrà portato avanti il progetto per la raccolta di indumenti usati Mettiti nei miei panni.

Lo scopo è quello di coinvolgere i bambini in prima persona stimolando una riflessione su tematiche come la solidarietà, la sostenibilità, il risparmio delle risorse, i consumi responsabili e il riuso; proprio per questa ragione è stato distribuito a tutti i bambini la storia illustrata de “Il professor Dix e un calzino sul piede di guerra, la vera storia degli abiti dimenticati” e di cui gli alunni sono chiamati a scrivere il finale. Inoltre all’interno degli edifici scolastici sono stati posizionati degli scatoloni per la raccolta degli abiti che nel 2014 ha permesso di raccogliere, su tutto il territorio nazionale, 10 tonnellate di vestiti usati.

I vestiti verranno destinati da Dixan a VESTI SOLIDALE, una cooperativa sociale ONLUS, con sede a Cinisello Balsamo, che dal 1998 opera senza fine di lucro nell’ambito di prestazioni di servizi alla persona, ambientali e sociali, privilegiando le opportunità di lavoro per soggetti svantaggiati. VESTI SOLIDALE nasce all’interno di un “sistema di Cooperative” promosse da CARITAS AMBROSIANA che ha dato origine al Consorzio FARSI PROSSIMO ed aderisce alla rete nazionale CGM.

L’intero ricavato dell’iniziativa proveniente dalla vendita di tali vestiti, sarà devoluto da Dixan ad Ai.Bi. tramite una donazione e con il fine di sostenere i suoi progetti per combattere l’abbandono minorile.

Queste le città interessate, che sono il 10% in più rispetto allo scorso anno, Genova, Torino, Bergamo, Verona, Bologna, Pisa, Viterbo, Terni, Frosinone, Napoli, Benevento, Potenza, Foggia, Campobasso, Macerata, Ravenna, Padova, Udine oltre a Milano in cui, grazie al patrocinio del Comune, la raccolta di abiti è stata trasformata in una gara che premierà la scuola che riuscirà a raccogliere più indumenti con gli ingressi per tutti gli alunni ad Expo 2015.