Giotto Concerto Carcere Pd
Giubileo

Il grazie del Papa ai detenuti di Padova

14 Dicembre Dic 2015 1247 14 dicembre 2015
  • ...

Concerto eccezionale dell'orchestra di ragazzi i "Polli(ci)ni" domenica 13 dicembre al Due Palazzi nel laboratorio di biciclette dell'Officina Giotto. L'esperienza della cooperativa sarà tra quelle raccontate in occasione della prima giornata della Generatività venerdì 18 dicembre a Milano

Non capita tutti i giorni di ricevere un ringraziamento dal Papa. Ed è proprio quello che i detenuti della casa di reclusione Due Palazzi di Padova hanno ricevuto domenica 13 dicembre in occasione dell’Angelus in piazza San Pietro che a Padova hanno seguito in diretta sullo schermo.

«In tutte le cattedrali del mondo, vengono aperte le Porte Sante, perché il Giubileo della Misericordia possa essere vissuto pienamente nelle Chiese particolari. Auspico che questo momento forte stimoli tanti a farsi strumento della tenerezza di Dio. Come espressione delle opere di misericordia, vengono aperte anche le “Porte della Misericordia” nei luoghi di disagio e di emarginazione. A questo proposito» ha aggiunto papa Francesco, «saluto i detenuti delle carceri di tutto il mondo, specialmente quelli del carcere di Padova, che oggi sono uniti a noi spiritualmente in questo momento per pregare, e li ringrazio per il dono del concerto». E mentre finiscono le parole di Francesco all’applauso fragoroso di piazza san Pietro ne risponde uno non meno commosso in diretta dalla casa di reclusione Due Palazzi di Padova.

Sono oltre centocinquanta le persone, tra detenuti, operatori e volontari della casa di reclusione che stanno seguendo la preghiera del papa. L’ampio locale che normalmente accoglie il magazzino del laboratorio di biciclette è diventato una sala da concerto, ma anche uno studio televisivo, perché Tv2000 sta riprendendo l’evento in diretta. C’è anche la Rai che, con la giornalista Caterina Doglio da giorni presente nella casa di reclusione, sta girando lo speciale “Giubileo, l’altro sguardo” che andrà in onda il 3 gennaio.

Operatori e cameraman per un evento senza precedenti: un concerto di un’orchestra di ragazzi, i Polli(ci)ni del Conservatorio Cesare Pollini di Padova, all’interno di un carcere. «Un concerto per ringraziare papa Francesco», spiega Nicola Boscoletto, presidente di Officina Giotto, che con la parrocchia del carcere ha organizzato l’evento, «di aver scelto di diventare la voce degli ultimi, quelli di cui non parla nessuno. Qui tra queste mura può capitare di vedere il più bello spettacolo a cui si possa assistere: gli occhi di persone cambiate. E ancora più belle sono le lacrime dei genitori per i figli che erano su una brutta strada e poi hanno cambiato vita».

Un momento del concerto, sullo sfondo l'apertura della porta santa in Africa a Bangui

L’esperienza di Officina Giotto, oltretutto, sarà tra quelle che si potranno ascoltare venerdì 18 dicembre, a Milano, alla prima giornata della generatività sociale GenerAzioni (in Agenda)

Tornando a domenica 13 dicembre, dopo l’Angelus, introdotto dalla solenne Pomp and circumstance di Elgar, scorrono i brani di Bach, Massenet, Grieg, Morricone, Anderson e Warren, intervallati da brevi messaggi dei protagonisti. Dei detenuti, in primo luogo. «Diventando cristiano», è il racconto di Gaetano, «una frase mi colpiva durante il cammino di preparazione: “Laddove abbonda il peccato, la grazia di Dio sovrabbonda”. È la storia di Paolo, è la storia di tanti di noi. Grazie, papa Francesco: che ti ricordi di noi, che ci ricordi che Dio ci sta aspettando. Grazie anche che ci chiedi di convertire le nostre storie: la misericordia di Dio è una faccenda seria, non una favola». «Siamo dei privilegiati», fa eco il cappellano del carcere don Marco Pozza, «a poter contemplare storie di “perduti” che, con la grazia di Dio e l’amore degli uomini, stanno rimettendosi in piedi. I vivi possono risorgere, non solo i morti».

Nelle prime file ci sono i rappresentanti delle istituzioni e del mondo penitenziario. «I giorni in carcere possono essere giorni di dolore, di speranza, oppure di indifferenza. La peggiore tra queste è certamente l’indifferenza», dice il provveditore alle carceri del Triveneto Enrico Sbriglia, «oggi, grazie al concorso di tante persone è un giorno di speranza, un giorno che potremo ricordare a lungo».

Ad Alessandra e Giulio, i due piccoli dell’orchestra, due detenuti, Michele e Giuseppe, fanno il dono simbolico del panettone (nella foto a fianco), che poi vsarà regalato a tutti i ragazzi, ai docenti e ai genitori intervenuti. C’è anche tempo di darsi il prossimo appuntamento: domenica 27 dicembre il nuovo vescovo di Padova don Claudio Cipolla inaugurerà la “porta della misericordia” nella cappella del carcere di Padova. Un portale che assomiglia poco a quello di un santuario, ma la porta di sicurezza rossa di pesante metallo per l’occasione verrà ingentilita e rivestita con una riproduzione della porta giubilare della basilica di San Pietro.

È il momento dei saluti finali. «Caro Papa Francesco, la tua vicinanza è per noi motivo di speranza, la tua attenzione ci fa sentire più vivi che mai», dice Guido, detenuto che lavora al call center della casa di reclusione, «ringraziamo Dio per il dono che sei per tutti noi carcerati e per tutte le persone del mondo. Grazie Papa Francesco. Un forte abbraccio. E ricordati che preghiamo per te».
Lo stesso messaggio viene echeggiato in otto lingue diverse: anzitutto in spagnolo, la lingua del papa, poi in albanese, arabo, kossovaro, cinese, portoghese. Da ultimo Roberto, detenuto svizzero di lingua tedesca, lo ripropone con una significativa aggiunta dedicata al papa emerito Benedetto XVI.

L’ultimo brano, un frizzante Chattanooga choo choo, viene accompagnato a ritmo dai battimani dei detenuti, che poi invocano a gran voce il bis. A concerto finito è l’ora di tornare: qualcuno a casa, qualcuno in cella. Varcando quelle porte che, proprio grazie all’iniziativa di papa Francesco, possono diventare altrettante porte della misericordia.

Contenuti correlati