41E3f12e 18D2 4A1a Ba6c 9E7719472540 Xl
Migranti

Unicef: Nel 2015 hanno chiesto asilo in Europa 96.500 minori non accompagnati

8 Maggio Mag 2016 2037 08 maggio 2016
  • ...

L’ong per questo ha chiesto misure urgenti per proteggere i bambini rifugiati e migranti che sono che sono a serio rischio di abusi, traffico e sfruttamento

L'Unicef ha chiesto misure urgenti per proteggere i bambini rifugiati e migranti non accompagnati n Europa - che sono a serio rischio di abusi, traffico e sfruttamento, il cui numero ha raggiunto lo scorso anno la cifra record di oltre 95.000.

Tra i bambini rifugiati e migranti non accompagnati, l’Interpol stima che uno su nove risulti disperso o mancante, ma le cifre devono ritenersi di gran lunga superiori. In Slovenia, per esempio, oltre l'80% dei bambini non accompagnati risulta scomparso dai centri di accoglienza, mentre in Svezia fino a 10 bambini ogni settimana risultano dispersi. All'inizio di quest'anno 4.700 bambini non accompagnati sono stati registrati come mancanti in Germania.

«I minorenni non accompagnati sono vittime di falle. Molti semplicemente scappano dai centri di accoglienza per unirsi alle loro famiglie allargate mentre aspettano, o perché non hanno avuto un pieno ascolto della determinazione del loro superiore interesse o i loro diritti non sono stati spiegati», ha detto Marie Pierre Poirier, coordinatore speciale Unicef per i rifugiati e la crisi migranti in Europa.

Questo appello giunge mentre gli Stati membri dell'Unione europea iniziano le negoziazioni volte a creare un sistema più equo e più sostenibile per i migranti e rifugiati. L'Unicef ha sottolineato che qualsiasi decisione che riguarda i bambini dovrebbe essere basata sul loro superiore interesse e ha chiesto che questo principio sia rafforzato nel Regolamento di Dublino, attualmente in discussione.

L'Unicef ha anche sottolineato l'importanza di accelerare le decisioni che coinvolgono un minorenne, sottolineando che i bambini attualmente devono aspettare fino a 11 mesi tra registrazione e trasferimento in un paese che ha accettato di accoglierli.

L'Unicef chiede di abbreviare il periodo di attesa in non più di 90 giorni, con la nomina immediata di un tutore, e che il ricongiungimento familiare sia accelerato. Questa è la chiave per proteggere i bambini non accompagnati e impedire che scompaiano.

Gli ultimi dati disponibili mostrano che 96.500 minorenni non accompagnati hanno chiesto asilo in Europa nel 2015 - circa il 20% del numero totale di bambini che hanno cercato protezione. La maggior parte erano adolescenti provenienti dall'Afghanistan, mentre i siriani rappresentavano il secondo gruppo. Un numero significativo di questi minorenni ha meno di 14 anni, hanno viaggiato da soli, senza la protezione dei familiari, adulti o tutori.

In alcuni paesi, i minori non accompagnati rappresentavano più della metà di tutti i bambini che sono arrivati nel 2015. In Svezia, gli adolescenti non accompagnati erano il 50% di tutti i bambini rifugiati, mentre in Italia sono arrivati 12.300 bambini non accompagnati e ulteriori 4.000 con le loro famiglie.

Contenuti correlati