Innovazione

Un’hackathon per innovare la cultura

10 Giugno Giu 2016 1929 10 giugno 2016

A Milano iCodex lancia una sfida per sviluppare nuove idee imprenditoriali nel settore culturale, l’obiettivo creare nuovi team e progetti in grado di partecipare a iC – Innovazione Culturale, il bando di Fondazione Cariplo che intende innovare l’industria offrendo nuove soluzioni

  • ...
Computer
  • ...

A Milano iCodex lancia una sfida per sviluppare nuove idee imprenditoriali nel settore culturale, l’obiettivo creare nuovi team e progetti in grado di partecipare a iC – Innovazione Culturale, il bando di Fondazione Cariplo che intende innovare l’industria offrendo nuove soluzioni

Innovare la cultura scrivendo codici. E’ questa la sfida lanciata da iCODEX, l’hackathon che, proprio in queste ore, a Milano, sta mobilitando sviluppatori, creativi e aspiranti imprenditori, per sviluppare nuove idee che riescano ad innovare la produzione e la fruizione culturale. Organizzata da Bookrepublic, la libreria italiana specializzata in e-book, iCODEX premierà con un compenso economico di 3mila euro a team, i due progetti migliori. Obiettivo dell’hackathon, la creazione di team efficaci, con progetti di innovazione culturale e competenze di creazione e sviluppo che partecipino con successo al bando d'idee del progetto iC-innovazione Culturale 2016 di Fondazione Cariplo, arrivato quest’anno alla terza edizione, che prevede accompagnamento ed un contributo di avviamento, per la costituzione di nuove imprese non-profit fino a 100mila euro.

24 i team che hanno partecipato alle prime due edizioni del bando, circa 120 partecipanti, per un percorso che coinvolge altri 150 professionisti del settore, tra tra mentor, docenti, tutor e istituzioni culturali coinvolte.

Ospiti d’eccezione ad inaugurare l’hackathon, dispensando consigli, GILLIAN FERRABEE, Direttrice del Creative Lab del Cirque du Soleil Media, TOBIAS AHLIN, designer con un passato a Spotify e GitHub, Brian Chang, Senior Software Development Engineer a Walt Disney e Chiara Montanari, l’unica italiana del gruppo, ricercatrice e ingegnere, esperta di knowledge Integration, leadership in ambienti estremi e team-building multiculturale e multidisciplinare. Capo spedizione per la Princess Elisabeth Station in Antartica.

I partecipanti avranno 24 ore di tempo per sviluppare i propri progetti di innovazione culturale.

Foto: Damian Zaleski

Contenuti correlati