Legge di Bilancio

Scuola: un primo passo per il Fondo sulla gratuità dei libri

16 Novembre Nov 2016 1658 16 novembre 2016

La Commissione Bilancio della Camera ha giudicato ammissibile la proposta di modifica presentata dal deputato del Partito democratico Michele Anzaldi per rifinanziare il Fondo per la gratuità dei libri scolastici alle famiglie bisognose

  • ...
Anzaldi 2
  • ...

La Commissione Bilancio della Camera ha giudicato ammissibile la proposta di modifica presentata dal deputato del Partito democratico Michele Anzaldi per rifinanziare il Fondo per la gratuità dei libri scolastici alle famiglie bisognose

Ieri la Commissione Bilancio della Camera, nel vaglio delle centinaia di emendamenti presentata dai vari gruppi parlamentari alla Legge di Bilancio, ha giudicato ammissibile la proposta di modifica presentata dal deputato del Partito democratico Michele Anzaldi per rifinanziare il Fondo per la gratuità dei libri scolastici alle famiglie povere. Il Fondo è stato istituito dall'articolo 27 della Legge n. 448/1998 ma da 17 anni non viene né rivalutato, né rifinanziato.

«Si tratta di un passo importante – spiega Anzaldi – l’ammissibilità in commissione rappresenta il primo passaggio per poter arrivare all’eventuale approvazione in Legge di Bilancio. Ovviamente la strada è ancora lunga, ma la sensibilità dimostrata dai presidenti delle commissioni competenti, Bilancio e Cultura, e dai capigruppi Pd coinvolti già rappresenta un elemento importante e induce a sperare. Ora l’emendamento deve passare al vaglio della votazione in commissione e in Aula. Per la prima volta, però, un ritardo inaccettabile, carico di conseguenze sociali, viene posto all’attenzione del parlamento in maniera concreta. La povertà rappresenta uno dei problemi ai quali la politica è chiamata a dare risposte con maggiore impegno. Permettere ai bambini delle famiglie meno agiate di poter avere gratuitamente i libri di testo può rappresentare un contributo piccolo ma importante, è urgente che il Fondo venga rivalutato».