Photo By Sylvain Lefevre:Getty Images
Belgio

Così i ragazzi di Molenbeeck imparano programmazione e tecnologia

6 Marzo Mar 2017 1629 06 marzo 2017
  • ...

Capital Digital è un progetto che forma ragazzi migranti (15-20 anni) delle periferie di Bruxelles nelle basi della programmazione, e dà anche loro le abilità pedagogiche per trasferire queste conoscenze ai bambini migranti che vivono nei quartieri più poveri di Bruxelles.

Capital Digital è un progetto che sia forma ragazzi migranti (15-20 anni) delle periferie di Bruxelles nelle basi della programmazione, sia dà loro le abilità pedagogiche per trasferire questa conoscenza ai bambini migranti. Capital Digital insegna a migranti e richiedenti asilo di 15-20 anni abilità tecniche e pedagogiche in modo che poi questi ragazzi possano insegnare a loro volta programmazione in modo didattico e giocoso a bambini migranti di 9-12 anni che vivono nei quartieri più poveri di Bruxelles.

Il progetto ha quindi lo scopo di raggiungere due fasce d’età: da un lato forma i giovani (di 15-20 anni) nelle basi della programmazione, dall’altro dà loro anche le abilità pedagogiche necessarie per trasferire questa conoscenza ai bambini.

Lo scopo è nel breve periodo di migliorare abilità IT di giovani e insegnare loro le basi della programmazione. Nel lungo periodo, il progetto si prefigge di rendere gruppi di giovani svantaggiati consapevoli delle possibilità di ottenere un lavoro nel settore dell’IT e tecnologico - dove sono al momento sottorappresentati.

Il progetto incoraggia anche i bambini ad apprezzare e a migliorare le loro capacità IT, che stanno diventando sempre più importanti nella nostra società competitiva. Inoltre Capital Digital aiuta i bambini a passare da consumatori a produttori creativi: è divertente giocare, ma è anche più interessante creare da soli il proprio gioco.

Il progetto si concentra su tre aree svantaggiate della regione di Bruxelles: Anderlecht, Molenbeek e Schaarbee. Il target sono giovani e bambini svantaggiati, specialmente con un background migratorio.

Capital Digital si avvale di un finanziamento in parte pubblico, in parte privato. Al momento si stanno esplorando diversi modi di assicurare il finanziamento e di espandere il progetto. Molto probabilmente resterà un mix di pubblico e privato.

«Finora abbiamo raggiunto centinaia di giovani e bambini, incoraggiandoli ad occuparsi di IT in un modo divertente e creativo», si legge sul sito . «Ricerche hanno mostrato che costruire le loro competenze scientifiche avrà un effetto positivo sulle vite dei giovani non solo in termini di incoraggiarli a continuare con lavori nel campo della scienze, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM) , ma quello che è più importante, costruire competenze scientifiche è uno strumento per la giustizia sociale, per aiutare a migliorare la vita e le possibilità di vita delle persone. Allo stesso tempo, mostriamo il potenziale e l’entusiasmo di giovani che di recente sono stati particolarmente stigmatizzati a causa dell'area in cui vivono o del loro gruppo etnico. Crediamo che la spinta che Capital Digital dà alla loro autostima sia di grande valore».
I promotori dell’iniziativa ritengono che mostrare giovani che ce l’hanno fatta sia importante per ridurre lo stigma che i media hanno gettato addosso a giovani che sono nati in quartieri come Molenbeek.

Foto: Sylvain Lefevre/Getty Images

Contenuti correlati