News Img1 81998 Papa Francesco Giubileo
Fondazione Don Gnocchi

In 310 da Papa Francesco

21 Marzo Mar 2017 1502 21 marzo 2017
  • ...

Una delegazione di 310 persone, di cui 60 con disabilità, parteciperà all'incontro di sabato con Papa Francesco nel parco di Monza. «La Messa e l’abbraccio di Monza restituiranno al Santo Padre la carezza che lui seppe dare ai sofferenti assistiti dalla Fondazione in occasione della Messa in coena domini di tre anni fa».

Ci sarà anche una folta delegazione della Fondazione Don Gnocchi ad accogliere Papa Francesco al parco di Monza, in occasione della Messa che il Santo Padre presiederà nel pomeriggio di sabato 25 marzo. La risposta dei Centri della Fondazione presenti nella Diocesi ambrosiana è stata entusiasmante e vedrà complessivamente 310 persone (di cui una sessantina con disabilità) – guidate dal presidente don Vincenzo Barbante e dal presidente onorario, monsignor Angelo Bazzari – condividere con il Papa il momento più solenne della sua visita pastorale milanese.

Tra ospiti, dipendenti, accompagnatori, familiari e volontari, i numeri che testimoniano la mobilitazione e il coinvolgimento dei vari Centri lombardi della Don Gnocchi sono di tutto rispetto: è infatti prevista la partecipazione di 39 persone con disabilità o anziani, assistiti da 44 accompagnatori e trasportati con 11 mezzi attrezzati della Fondazione; ci sono poi altri 22 disabili, con 43 accompagnatori e loro familiari che arriveranno a Monza su bus noleggiati e su altri cinque bus giungeranno anche un totale di 162 dipendenti della Fondazione e loro familiari.

Per la Fondazione Don Gnocchi la grande celebrazione eucaristica del 25 marzo rappresenta il secondo incontro con Francesco, dopo la visita del Papa di tre anni fa, il 17 aprile 2014, al Centro “S. Maria della Provvidenza” Fondazione Don Gnocchi di Roma, con il gesto della lavanda dei piedi di dodici ospiti in occasione della Messa “in coena Domini” del giovedì Santo. La Messa e l’abbraccio di Monza restituiranno al Santo Padre la carezza che Francesco seppe dare in quell’occasione ai sofferenti assistiti dalla Fondazione.

Contenuti correlati