Neonato Eric Froehling Unsplash
Famiglia

Bonus mamma futura, come fare richiesta all'Inps

3 Maggio Mag 2017 1716 03 maggio 2017
  • ...

Ottocento euro per ogni bambino nato o adottato dopo il 1 gennaio 2017: scatta da domani, 4 maggio 2017, il “bonus mamma domani” previsto dalla legge di stabilità. Ecco chi ne ha diritto e come fare a presentare domanda

Un premio di 800 euro per la nascita o l’adozione di un minore: scatta da domani, 4 maggio 2017, il “bonus mamma domani” previsto dalla legge di stabilità 2017. Tale legge ha disposto infatti che «a decorrere dal 1º gennaio 2017 è riconosciuto un premio alla nascita o all'adozione di minore dell'importo di 800 euro. Il premio, che non concorre alla formazione del reddito complessivo, è corrisposto dall'INPS in unica soluzione, su domanda della futura madre, al compimento del settimo mese di gravidanza o all'atto dell'adozione». È solo da domani però che le domande potranno essere inoltrate all’INPS, con procedura telematica. Tutte le istruzioni sono contenute in una recentissima circolare dell’Istituto di previdenza, la n. 78 del 28 aprile 2017, insieme all’elenco della documentazione necessaria.

Chi ha diritto al bonus? Tutte le donne che a partire dal 1° gennaio 2017:

  • hanno terminato il settimo mese di gravidanza;
  • hanno partorito un figlio, anche se nato prima della conclusione del settimo mese di gravidanza;
  • hanno adottato un minore, con adozione nazionale o internazionale, ìcon sentenza definitiva;
  • hanno un figlio in affidamento preadottivo nazionale, disposto con ordinanza, o in affidamento preadottivo internazionale.

La domanda deve essere presentata entro un anno dal verificarsi della nascita, adozione o affidamento. Solo per gli eventi intercorsi tra il 1 gennaio 2017 e il 4 maggio 2017 l’anno è calcolato a partire dal 4 maggio, cioè a un anno dall’operatività della misura. Va presentata una sola domanda per lo stesso minore, cioè se si è presentata la domanda in relazione all’evento compimento del 7° mese di gravidanza, non si dovrà presentare una nuova domanda all’evento della nascita. Analogamente, il beneficio richiesto per l’affidamento preadottivo non può essere richiesto anche in occasione della successiva adozione dello stesso minore.

Nel caso di parto plurimo invece la domanda presentata al compimento del 7° mese, andrà presentata anche in esito alla nascita, andando a inserire in quell’occasione il numero dei nati, per l’integrazione del premio già richiesto: la prestazione è riconosciuta infatti per ogni minore nato o adottato.

Per godere del bonus non ci sono requisiti economici: il bonus mamma domani andrà a tutte le neomamme. I cittadini extracomunitari in possesso di un permesso di soggiorno considerato valido ai fini dell’assegno di natalità possono autocertificare il possesso di tale titolo e presentare domanda per il bonus mamma futura. Per documentare lo stato di gravidanza occorre presentare un certificato di gravidanza in originale o indicare il numero del protocollo telematico del certificato rilasciato dal medico SSN o medico convenzionato ASL (cosa che ad oggi però non si può fare). Se la domanda è presentata a parto già avvenuto, la madre dovrà presentare il Codice Fiscale del bambino.

Foto Eric Froehling / Unsplash

Contenuti correlati