No Slot

Azzardo. Beccalossi: «missione compiuta, leggi no slot sono salve»

7 Settembre Set 2017 1621 07 settembre 2017

Arrivano le prime reazioni dopo l'accordo raggiunto fra Governo e Enti locali sul riordino legislativo dell'azzardo legale. La Lombardia esprime la propria soddisfazione: «abbiamo vinto»

  • ...
O BECCALOSSI Facebook
  • ...

Arrivano le prime reazioni dopo l'accordo raggiunto fra Governo e Enti locali sul riordino legislativo dell'azzardo legale. La Lombardia esprime la propria soddisfazione: «abbiamo vinto»

«Missione compiuta», afferma l'assessore lombardo Viviana Beccalossi a margine dell'accordo raggiunto in Conferenza Unificata Stato Regioni sul tema dell'azzardo legale. «Con grande soddisfazione posso comunicare come Regione Lombardia, su input del presidente Maroni, sia riuscita a evitare che la sua Legge sul contrasto al gioco d'azzardo patologico, approvata all'unanimità da tutte le forze politiche, venisse cancellata dal nuovo provvedimento del Governo. Possiamo dire: scampato pericolo, abbiamo ottenuto il risultato che ci eravamo prefissi».


Per l'assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Città metropolitana Viviana Beccalossi, oggi a Roma «il governo ha accolto un emendamento che ho scritto insieme alla Provincia Autonoma di Bolzano, attraverso il quale di fatto si ottiene che le normative regionali già esistenti rimangano in vigore e che quindi, soprattutto in materia di distanze minime dai luoghi sensibili e di definizione degli stessi. Quindi nulla cambia rispetto a quanto accaduto fino a oggi e, anzi, è stata approvata la richiesta di poter di ricevere gratuitamente i dati sui flussi e le giocate da parte dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli».

«È stata una battaglia dura e complicata -conclude Viviana Beccalossi - la nostra vittoria è la fotografia della costanza e della determinazione dei moltissimi Comuni e associazioni lombarde che fin dal primo momento sono stati al nostro fianco per fronteggiare con la prevenzione, la cura e la repressione il dilagare di questa tremenda piaga sociale».