Camera Da Flickr Camera
Politica

Nuovo Parlamento: tutte le proposte sociali presentati fino ad oggi

13 Luglio Lug 2018 0946 13 luglio 2018
  • ...

Finalmente le due Camere hanno iniziato a lavorare a pieno regime: le proposte dei deputati e dai senatori di tutti gli schieramenti su tematiche quali famiglia, disabilità e scuola. Tra i provvedimenti presentati anche il disegno di legge del Pd che punta a un potenziamento del ReI

Famiglia, caregiver, minori, scuola, accessibilità universale per le persone con disabilità ma anche ausili e protesi per la pratica sportiva paralimpica, commercio equo e solidale e tra le ultime iniziative anche un potenziamento del ReI – il reddito di inclusione. C’è tanto sociale nelle proposte che i parlamentari di ogni schieramento hanno fatto in queste settimane.

Per quanto riguarda il ReI, il Reddito di inclusione, la grande riforma contro la povertà eredità della scorsa legislatura il Pd ha presentato un progetto di legge per evitare, come rimarca una nota della dem Elena Carnevali che il governo ceda alla tentazione «di fare una riforma nella riforma». La proposta Pd prevede il raddoppio delle risorse da 3 a 6 miliardi di euro annui ed estende la platea dei beneficiari, si arriverebbe a 1 milione e 400mila famiglie circa, ovvero sottolineano dal Pd «tutte quelle in povertà assoluta secondo l’Istat».

Nella scorsa legislatura è stato avviato l'esame di 1943 progetti di legge di iniziativa parlamentare; di questi solo 92 (pari al 4,7%) sono stati definitivamente approvati. Non deve stupire quindi che il senatore Patriarca (Pd) abbia presentato la sua proposta sul commercio equo e solidale. Il progetto di legge sul tema, nella scorsa legislatura si era arenato a un passo dalla fine dell'iter dopo una prima approvazione alla Camera. Ma Patriarca non è l’unico a guardare al commercio equo, da parte del M5S sono state presentate delle proposte sullo stesso tema: una al Senato da Gianni Girotto e una alla Camera da parte di Andrea Vallascas.

Sui temi della disabilità la deputata Pd Lisa Noja ha annunciato la presentazione, mercoledì 11 luglio, di una proposta di legge delega in materia di accessibilità universale che recepisce il lavoro dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità, a fine giugno è stato invece assegnato alla commissione Affari sociali la proposta “Norme per garantire la vita indipendente delle persone con disabilità” (primo firmatario Elena Carnevali Pd). Disabilità e sport sono invece i temi cari alla deputata Giusy Versace di Forza Italia. La campionessa paralimpica ha presentato una proposta di legge per l’introduzione degli ausili e delle protesi sportive per persone disabili tra i dispositivi erogati dal Servizio sanitario nazionale. «Per le persone che vivono con una disabilità, la pratica sportiva equivale ad una rinascita, aumenta l’autostima, conferisce un’opportunità di nuova vita, assicura una migliore e più spedita integrazione sociale, abbatte le barriere mentali e non conosce la discriminazione» sottolinea Versace per la quale «è giunto il momento che lo sport sia visto come un diritto e non più come un lusso».

Anche figli e famiglia sono al centro dell’attenzione dei parlamentari di maggioranza e opposizione. Arriva dal Pd il disegno di legge delega al Governo per riordinare le misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’Assegno unico e la Dote unica per i servizi (presentato al Senato) che a detta di uno dei proponenti il dem Stefano Lepri punta a superare il fatto che nel nostro Paese «ci sono assegni familiari, detrazioni per figli a carico e una numerosa serie di bonus: una giungla costruita per strati e ritocchi, senza un disegno chiaro e con ingiustizie, perché gli incapienti e gli autonomi hanno poco o nulla. Vogliamo quindi ispirarci a Paesi come Germania, Gran Bretagna o Canada, dove il mantenimento dei figli è sostenuto con la fiscalità generale e riconosciuto con un child benefit, cioè un assegno unico e universale per i figli, concesso in misura diversa a seconda della condizione economica e dell’età dei figli».

Ha pensato invece a Disposizioni per la tutela della famiglia e della vita nascente il senatore, nonché capogruppo leghista Massimiliano Romeo, mentre il suo compagno di partito Paolo Grimoldi alla Camera ha presentato un progetto di legge per “Disposizione per favorire la ricerca dei minori scomparsi”. Chiede invece l’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sugli allontanamenti dei minori dalle famiglie e sulle situazioni di incompatibilità e di conflitto di interessi di componenti privati presso i tribunali e le corti di appello per i minorenni la deputata Francesca Businarolo (M5S).

Sul fronte scuola ai primi di luglio il pentastellato Lugi Gallo ha presentato alla Camera la proposta di “Istituzione dei nuclei per la didattica avanzata e introduzione di progetti di scuola aperta e di scuola diffusa negli istituti scolastici di ogni ordine e grado”. Negli stessi giorni il leghista Massimiliano Romeo si è occupato invece di presentare al Senato una proposta su “Disposizioni per la promozione della pratica sportiva nelle scuole e istituzione dei nuovi Giochi della gioventù”. Sempre di scuola ma alla Camera si è occupata la leghista Daniela Belotti che ha proposto di modificare gli articoli 7 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, e 1 della legge 10 marzo 2000, n. 62, in materia di esenzione dall'Imu per le porzioni di edifici utilizzati per le attività didattiche dalle scuole paritarie senza fini di lucro.

A chiudere questa carrellata delle proposte lanciate dai parlamentari nelle ultime settimane sul fronte delle tematiche sociali non poteva mancare il disegno di legge firmato dai due capigruppo di Lega e M5S al Senato, rispettivamente Romeo e Patuanelli, che in due righe propongono di prorogare la delega per l’attesissima conclusione della Riforma del Terzo Settore portandola da dodici a diciotto mesi (vedi articolo).

In apertura foto da Flickr

Contenuti correlati