Protocollo Anci
Lavoro

Intesa tra cooperative sociali e Anci Toscana

23 Luglio Lug 2018 1144 23 luglio 2018
  • ...

Obiettivo del protocollo è quello di utilizzare al meglio norme e opportunità per l'inserimento lavorativo di persone svantaggiate nei servizi affidati in appalto e/o concessione dai Comuni toscani

Favorire e sostenere l’inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati è questa la finalità al centro dell’intesa tra Anci Toscana e le cooperative sociali regionali. L’obiettivo condiviso è quello di individuare e utilizzare tutte le opportunità e le normative (negli appalti, nella programmazione e nella co-progettazione) per impiegare le persone che, per storia e difficoltà personali, hanno difficoltà ad entrare nel mercato del lavoro e rischiano l’emarginazione sociale (disabili, ex detenuti, tossicodipendenti, soggetti con problemi psichiatrici).

Il protocollo è stato firmato venerdì 20 luglio nella sede fiorentina dell’Associazione dei Comuni dal presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni e da Alberto Grilli presidente di Confcooperative-Federsolidarietà Toscana, Leonardo Cianchi vicepresidente di Legacoopsociali-Legacoop Toscana e Federico Pericoli vicepresidente dell’Associazione Generale Cooperative Italiane (Agci) della Toscana.

«Si tratta di una grande opportunità, che mi auguro tutti i Comuni toscani facciano propria mettendo in pratica gli indirizzi dell'intesa», afferma Biffoni. «Le cooperative sociali di tipo B rappresentano una ricchezza per il tessuto sociale e per il mondo del lavoro e credo che le amministrazioni, utilizzando tutti gli strumenti che le norme mettono a disposizione, possano e debbano offrire una reale possibilità di inserimento lavorativo per le persone svantaggiate»".

Le cooperative sociali (nella fattispecie quelle di tipo B) sono imprese che si occupano della gestione di attività finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate nei settori dell'industria, commercio, servizi e agricoltura. In particolare, nell'intesa si prevede tra l’altro di “promuovere consultazioni preliminari di mercato, per conoscere e scegliere i migliori istituti contrattuali di tutela sociale, soprattutto negli appalti pubblici di servizi”; di utilizzare strumenti come “appalti e concessioni riservate alle cooperative sociali di tipo B”; di suddividere gli appalti in lotti “in modo da garantire l’effettiva possibilità di partecipazione da parte delle micro, piccole e medie imprese”; di utilizzare le norme vigenti sia per “assicurare il coinvolgimento attivo degli Enti del Terzo settore attraverso forme di co-programmazione, co-progettazione e accreditamento” sia per “attivare forme speciali di partenariato con enti del Terzo settore nelle attività di valorizzazione di beni culturali immobili di appartenenza pubblica”.

«La cooperazione è riuscita a trasformare svantaggi e fragilità in opportunità, non solo di coesione sociale ma anche di risparmio di risorse pubbliche», afferma Alberto Grilli, presidente di Confcooperative-Federsolidarietà Toscana, «ma la centralità del lavoro è fondamentale nell’esperienza di queste particolari imprese. Per questo l'inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati deve essere pensato come un bene comune. Il sostegno e il rafforzamento di questo sistema deve essere un obiettivo qualificante di politiche di sviluppo ma anche alla base di un approccio culturale diverso. Il protocollo firmato oggi, che accogliamo con grande soddisfazione, va sicuramente in questa direzione».

Nella foto in apertura i firmatari del protocollo d'intesa tra Anci e cooperative sociali

Contenuti correlati