Unioni Civili 1140X760
Società

Le unioni civili? Riguardano lo 0,02% della popolazione

6 Settembre Set 2018 1215 06 settembre 2018
  • ...

L'Istat rende noti i nuovi dati sulla popolazione italiana. Le unioni civili costituite in Italia (la legge Cirinnà è in vigore dal giugno 2016), sono state 6.712, una su quattro solo a Roma, Milano e Torino e complessivamente riguardano 13.256 persone

Al 1° gennaio 2018 le persone residenti in Italia unite civilmente sono 13.256, pari allo 0,02% della popolazione. Si tratta soprattutto di persone di sesso maschile (nel 68,3% dei casi), con un’età media di 49,5 anni per i maschi e di 45,9 anni per le femmine e risiedono prevalentemente nel Nord (56,8%) e al Centro (31,5%). Questo considerando sia le unioni civili costituite in Italia sia le trascrizioni di unioni costituite all’estero. Dal luglio 2016 al 31 dicembre 2017, sono state costituite in Italia 6.712 unioni civili (2.336 nel 2° semestre 2016 e 4.376 nel corso del 2017). Più di un terzo delle unioni civili (il 35,4%) è stato costituito nelle 14 città metropolitane e quasi una su quattro soltanto nelle tre città di Roma (763), Milano (621), e Torino (256). È quanto emerge dai dati sulla popolazione residente per stato civile presentati oggi dall’Istat. Le unioni civili tra persone dello stesso sesso erano state disciplinate dalla legge Cirinnà (Legge del 20 maggio 2016 n. 76) in vigore dal 5 giugno 2016.

Gli italiani coniugati invece sono più di 28,5 milioni al 31 dicembre 2017, con un forte calo rispetto al 1991 (3 milioni e 843 mila in meno), soprattutto nella classe di età 25-34 anni (da 51,5% a 19,1% gli uomini, da 69,5% a 34,3% le donne). Il calo dei matrimoni va a vantaggio soprattutto di celibi e nubili (+3 milioni e 90 mila). Aumentano in tutte le età divorziati e divorziate, più che quadruplicati dal 1991 (da circa 376 mila a oltre 1 milione e 672 mila), principalmente nella classe 55-64 anni (da 0,8% a 5,3% gli uomini, da 1,0% a 6,4% le donne). Nella classe di età 15-64 anni, coniugati e celibi quasi si equivalgono (rispettivamente 49,0% e 47,7% della popolazione totale).

Al 1° gennaio 2018 la popolazione residente in Italia è pari a 60 milioni 484mila unità. L’età media è di 45,2 anni (era 39,1 anni nel 1991): solo il 13,4% della popolazione ha meno di 15 anni, il 64,1% tra i 15 e i 64 anni e il 22,6% ha 65 anni e più. Gli over80 anni sono il 7%, con più di 15mila italiani che superano i 100 anni e più di mille individui che hanno superato i 105 anni; 20 infine i supercentenari (110 anni e più).

Contenuti correlati