Paris 1836415 1280
Idee

Energia solare: nasce a Parigi una centrale elettrica cooperativa

7 Settembre Set 2018 0955 07 settembre 2018
  • ...

Energia dei cittadini, per i cittadini: è questa l'idea di EnerCit’IF, che sarà il primo produttore elettrico cooperativo francese di energie rinnovabili al 100%

Il mutualismo, tema a cui Vita ha dedicato il numero di settembre da oggi in distribuzione, ha mille forme. A Parigi, sta per prendere quella di una centrale elettrica. Interamente a energia solare, interamente cooperativa. Il progetto dell'associazione EnerCit’IF è ambizioso: installare su tutti (o quasi) i tetti della città pannelli fotovoltaici. Ambizioso ma, fanno sapere, concreto. E, soprattutto, possibile.

Il cambiamento climatico in atto e il sovraconsumo, soprattutto in una città che, non a caso, è chiamata Ville lumière, per le sue migliaia di luci, è un dato di fatto. Accelerare la transizione ecologica verso un'energia pulita è una necessità. Farlo attraverso uno strumento partecipato sul piano locale e partecipativo su quello sociale (una testa, un voto) come nel suo spirito lo strumento cooperativo, è la vera sfida.

Il progetto "l'énergie citoyenne" prevede che l'energia sia «prodotta dai cittadini per i cittadini». Con forti «ricadute economiche sul territorio e, quindi, benefiche per la comunità locale». L'iniziativa fa parte di un più ampio progetto di "energia condivisa", orientata su quattro principi: 1) ancoraggio locale, soprattutto in comitati di quartiere; 2) governance aperta; 3) scopo non speculativo; 4) esigenza ecologica.

Sul piano pratico, la prima riunione per la centrale si è tenuta a fine luglio. Progetti simili sono già in fase di avanzata progettazione anche nelle zone rurali della Francia, ma a Parigi si è iniziato a pensarci dal 2016. L'idea, inoltre, si sposta col progetto dell'amministrazione che prevede che, entro il 2050, tutta l'energia parigina debba provenire da fonti rinnovabili.

Ma già nel 2019 gli abitanti di Parigi potranno investire nella cooperativa. Quanto? 100 euro a persona, 10 euro per i disoccupati e gli studenti), con un tasso di interesse annuo stimato al 1,5%. L'elettricità prodotta verrà poi venduta a Enercoop, la principale rete di fornitura (anch'essa cooperativa) di energie rinnovabili.

Contenuti correlati