Senior 3336451 1280
Riforme

Pensioni. Acli: «quota 100 è riduttiva, ripensiamo la flessibilità universale in uscita»

11 Settembre Set 2018 1733 11 settembre 2018
  • ...

Per il presidente nazionale delle Acli, Roberto Rossini: «la quota 100 va ripensata, o riguarderà solo una parte dei cittadini». Serve una «visione più ampia, che si rivolga anche ai giovani»

«La discussione sulla cosiddetta quota 100 va superata altrimenti continueremo a dibattere intorno ad un sistema pensionistico che riguarda solo una parte di cittadin». Ad affermarlo in una nota è il presidente nazionale delle Acli, Roberto Rossini, riguardo alle proposte di riforma delle pensioni.

«Proponiamo una visione più ampia - sottolinea il presidente Rossini- per comprendere anche le giovani generazioni, coloro cioè che accederanno alla pensione con il solo sistema contributivo e per di più con degli stipendi e dei versamenti molto bassi e frammentati. Come Acli ci facciamo promotori di alcuni correttivi che potrebbero rendere il sistema più giusto ed equo, ecco perché durante il prossimo Incontro Nazionale di Studi, in programma a Trieste dal 13 al 15 settembre, consegneremo al premier Giuseppe Conte, che sarà nostro ospite, una serie di proposte di legge tra cui quella in tema di previdenza».

«Crediamo che uno dei modi per rendere il sistema pensionistico più equo – aggiunge Rossini- sia la reintroduzione del principio di flessibilità in uscita, che ora è prevista per alcune categorie, come i lavoratori usuranti o ‘precoci’ e quelli appartenenti all’Ape sociale, ma che invece dovrebbe essere un diritto universale».

Naturalmente, conclude il presidente nazionale delle Acli, «l’uscita libera e volontaria dal mondo del lavoro per accedere alla pensione partirebbe da un requisito minimo di età, che potrebbe andare dai 63 ai 65 anni, con un assegno pensionistico crescente o decrescente a seconda dell’età di accesso. Un altro principio che va nella stessa direzione è quello di introdurre una pensione di inclusione, cioè un trattamento di garanzia che assicuri, in presenza di uno stato di bisogno economico, un reddito dignitoso».