20130602 C2 Gratta E Vinci
No Slot

Gratta & Vinci: il Tar del Lazio respinge i ricorsi contro la proroga della concessione

4 Ottobre Ott 2018 1425 04 ottobre 2018
  • ...

Il Tar Lazio respinge i ricorsi contro la proroga della concessione. Ora lo scontro si sposterà in Europa

«A seguito dell’entrata in vigore dell’art. 20 del Dl n. 148/2017, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli era tenuta ad autorizzare la prosecuzione del rapporto concessorio in essere, relativo alla raccolta, anche a distanza, delle lotterie nazionali ad estrazione istantanea, come si desume dall’uso del verbo al tempo indicativo ("provvede ad autorizzare"), senza possibilità di optare per soluzioni diverse, quali l’indizione di una procedura ad evidenza pubblica. Purtuttavia la stessa ha esercitato i poteri di verifica sull’andamento della concessione stabiliti in Convenzione, in particolare, come si desume dalla documentazione prodotta, con riguardo ai risultati raggiunti in termini di entrate erariali per lo Stato da parte dell’attuale concessionario, la cui proficuità non è neanche stata oggetto di contestazione da parte delle ricorrenti».

Questa una delle motivazioni con cui il Tar Lazio ha respinto il ricorso introduttivo e i motivi aggiunti avanzati da Sisal e Stanleybet contro la proroga a Lottomatica, fino al 30 settembre 2028 della gestione della concessione relativa alla raccolta, anche a distanza, delle lotterie nazionali ad estrazione istantanea. Proroga accordata nel 2017 dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli all'unico soggetto che aveva partecipato alla gara originaria del 2009 per l'affidamento di quattro concessioni.

Secondo i giudici è pacifico e non revocabile in dubbio che i ricorrenti fossero a «conoscenza del bando della procedura svolta nel 2010... in quanto si tratta del bando ripubblicato a seguito dell’accoglimento da parte del Consiglio di Stato».

Ora la battaglia che sta ridisegnando la mappa dell'azzardo italiano si sposterà altrove. Dove? Probabilmente Europa e Corte Costituzionale.

Contenuti correlati