Rawpixel 653764 Unsplash
Persone

Daniele Fusi nuovo Dg di Aragorn

8 Ottobre Ott 2018 1242 08 ottobre 2018
  • ...

Il nuovo direttore generale arriva all’agenzia di comunicazione milanese dopo otto anni alla direzione marketing e raccolta fondi di ActionAid. Nel suo curriculum anche due anni all’ong Cesvi. Innovazione, gioco di squadra e resilienza le sue parole chiave

Innovazione, gioco di squadra, resilienza. Sono queste le tre parole chiave che caratterizzano la nuova conduzione di Aragorn srl, agenzia di comunicazione, eventi e fundraising per il non profit affidata a Daniele Fusi che ha assunto la carica di direttore generale di Aragorn dopo otto anni alla direzione marketing e raccolta fondi di ActionAid International Italia onlus, dove ha gestito uno staff di 40 persone e una raccolta annua di 50 milioni di euro, supportando anche la raccolta fondi della Federazione internazionale in India, Indonesia e Svizzera.

Classe 1977, un passato di studi in Filosofia presso la Statale di Milano, Fusi si appassiona al settore del non profit fin dal 2002, anno in cui approda presso Lentati&Partners dove resta fino al 2007. Dopo altri 2 anni all’ong Cesvi come Responsabile donatori individuali e dopo l’esperienza in ActionAid, Fusi (nella foto) passa ora ad Aragorn tornando così alla consulenza strategica e operativa alle organizzazioni senza scopo di lucro.

Sulla base di un piano strategico triennale 2019-2021, l’obiettivo della nuova Aragorn firmata Fusi è diventare il punto di riferimento per il Terzo Settore nei servizi integrati di fundraising e comunicazione. «Vogliamo fare la differenza per le organizzazioni con cui collaboriamo», commenta il neo Dg. «Ogni giorno ci occupiamo di “sostenibilità”, che significa rendere possibili le idee delle associazioni, delle fondazioni, degli enti che si affidano a noi; quelle idee che vogliono cambiare il mondo e che noi sappiamo condividere e concretizzare».

Aragorn è nata a Milano nel 1994 da un’idea di Stefano Sanfilippo, fondatore e attuale amministratore delegato. «Quando ho scelto il nome Aragorn ho pensato che il personaggio delineato da Tolkien aderisse perfettamente alla mia idea di agenzia di consulenza per il non profit: il re Aragorn era infatti colui che anche nei panni di Grampasso si metteva con umiltà in mezzo alla gente e sapeva calarsi nei panni dell’altro», racconta Sanfilippo. «Con la scelta di questa nuova direzione generale ribadisco la mia volontà di “vivere” in mezzo alle organizzazioni, per studiarle, comprenderle e supportarle nel modo migliore, aggiungendo alla mia esperienza pluriennale la tensione all’innovazione e il coraggio di cambiare che caratterizzano Daniele».

In apertura photo Rawpixel/Unsplash