Giovani 2
Volontariato

Agenzia Nazionale per i Giovani: oltre 4.5 milioni di euro per 184 progetti under 30

12 Giugno Giu 2019 1250 12 giugno 2019
  • ...

«L’Agenzia è sempre più guida per i giovani del Paese», sottolinea il direttore generale Domenico De Maio, «con i programmi Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà diamo opportunità di crescita anche a tanti ragazzi provenienti da situazioni di svantaggio»

L’Agenzia Nazionale per i Giovani, l’ente vigilato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea, che si occupa per l’Italia dei programmi europei rivolti ai giovani, ha assegnato 4.5 milioni di euro a 184 progetti proposti, gestiti e realizzati da associazioni giovanili, nell’ambito del primo round di valutazione dei programmi Erasmus+ Gioventù in azione e Corpo Europeo di Solidarietà.

Grazie a questi progetti potranno esser realizzate iniziative ed attività che avranno ricadute su diversi ambiti della società (integrazione, ambiente, occupazione, inclusione, arte e cultura), un forte impatto a livello locale e contribuiranno a migliorare la vita democratica del paese.

Nell’ambito del nuovo programma dell’Unione Europea, il Corpo Europeo di Solidarietà, sono stati approvati 59 progetti per un totale di 1.4 milioni di euro di finanziamento. Coinvolti 243 giovani provenienti da tutto il paese, di cui il 24% che partono da situazioni di forte svantaggio sociale.

Le attività riguarderanno – maggiormente - progetti di volontariato, solidarietà, tirocinio e lavoro rivolti alle nuove generazioni. Ad esempio “Play the city” è un progetto proposto da 7 giovani milanesi, alcuni dei quali stranieri che da poco vivono nella città, impegnati nella promozione dello sport come veicolo di inclusione nei quartieri popolari di Milano. A Trani, invece, un gruppo di 6 ragazzi con “Food4U” ha deciso di provare a trovare una soluzione che contribuisca a risolvere il problema dello spreco alimentare e della difficoltà di accesso al cibo chiudendo, in base ai modelli dell’economia circolare, la filiera del “cibo recuperato”, intervenendo attivamente nelle fasi di recupero, distribuzione e trasformazione degli scarti ed eccedenze alimentari.

Mentre in Sardegna un’associazione si occupa di rendere accessibili le informazioni sui progetti europei per tutti i giovani, in particolare quelli delle comunità locali con disabilità uditive grazie alla lingua dei segni. In Puglia, infine, il progetto “Giù la maschera – un ponte tra culture” promuove tramite l’organizzazione di un laboratorio teatrale multiculturale, la realizzazione di un documentario e il coinvolgimento dei gruppi di minoranza nelle attività associative del territorio una maggiore partecipazione alla vita della comunità delle minoranze linguistiche o religiose, isolate o poco integrate nel tessuto sociale e lavorativo.

L’elemento di forte novità ed innovazione riguarda la possibilità che le attività ed i progetti presentati – anche di piccole dimensioni - siano sviluppate e attuate in totale autonomia gestionale a livello locale da un gruppo di almeno 5 giovani, per un periodo da 2 a 12 mesi, con l’obiettivo di esprimere solidarietà e sollecitare cambiamenti positivi nella propria comunità di riferimento.

In relazione al programma Erasmus+, nel dettaglio, sono stati assegnati 3.1 milioni di euro - per 125 progetti - a 119 organizzazioni radicate in tutto il territorio del paese. Le attività approvate per la maggior parte (113) riguardano scambi di giovani e mobilità degli animatori giovanili.

I progetti appartenenti al primo round Erasmus+ coinvolgeranno ben 18 regioni italiane, garantendo una partecipazione uniforme a giovani residenti su tutto il territorio italiano. Tra le aree più rappresentate c’è la Sicilia (con 23 progetti), il Piemonte (con 16), la Campania (con 13) e la Lombardia (con 10).

I giovani coinvolti saranno 6.065 di cui 1.628 provenienti da situazioni di forte svantaggio sociale. Nel dettaglio sono stati approvati 43 progetti di volontariato, 13 di solidarietà e 3 di tirocinio e lavoro.

Domenico De Maio

«I programmi dell’Agenzia Nazionale per i Giovani», spiega Domenico De Maio, Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, «calano l’Europa nei territori. Stiamo lavorando con passione per diventare il punto di riferimento per i ragazzi dando loro gli strumenti per mettersi in gioco, per essere protagonisti in Italia ed in Europa e lavorare su tematiche di loro interesse. Il lavoro dell’Agenzia è quello di motivare, far conoscere e fornire opportunità e dire finalmente ai giovani che le istituzioni sono dalla loro parte, che le istituzioni sono casa loro. Tra le mission istituzionali dell’Agenzia è centrale il tema della partecipazione attiva alla vita democratica del paese».

Il programma Erasmus+
Programma europeo (2014-2020) che promuove e finanzia progetti e attività nell’ambito di istruzione, formazione, gioventù e sport. Cosa offre? Corsi di istruzione superiore, attività di volontariato, scambi giovanili, stage e tirocini professionali. Borse di studio e prestiti per corsi di laurea e master. La possibilità di collaborare con altre scuole superiori e università o di diventare partner strategico di operatori giovanili o imprese. L’Agenzia nello specifico gestisce il capitolo dedicato ai giovani tra i 13 ed i 30 anni a prescindere dal loro grado e livello di scolarizzazione ed è rivolto in particolare a quelli con minori opportunità e maggior rischio di esclusione sociale.

Corpo Europeo di Solidarietà
Il Corpo Europeo di Solidarietà è la nuova iniziativa dell'Unione europea che offre ai giovani opportunità di volontariato e solidarietà, nel proprio Paese o all'estero, nell'ambito di progetti destinati ad aiutare comunità o popolazioni in Europa. Rivolto ai giovani tra i 18 ed i 30 anni offre occasione per unirsi a un'ampia gamma di progetti, connessi ad esempio alla prevenzione delle catastrofi naturali o alla ricostruzione a seguito di una calamità, all'assistenza nei centri per richiedenti asilo o a problematiche sociali di vario tipo nelle comunità.


Prossima scadenza per presentare i progetti ai programmi Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà è fissata per il 1 ottobre, per informazioni sulla partecipazione scrivere a informazione@agenziagiovani.it o consultare il sito www.agenziagiovani.it.

Contenuti correlati