Simulazione Fr Academy Post Blog 1
Formazione

Fundraising Academy torna con un programma 2.0

26 Maggio Mag 2020 0930 26 maggio 2020
  • ...

L’Accademia milanese di fundraising integrato riprende i corsi dopo lo stop imposto dal lockdown. A giugno al via online, mentre dall’autunno si potrà scegliere se seguire le proposte formative via web oppure in aula. «Novità nei volti e nei contenuti della quinta edizione di Startup Fundraising al via a settembre», annuncia l’ideatrice dell’iniziativa Elena Zanella

Lanciata nel 2018 da Elena Zanella, la Fundraising Academy, l’Accademia milanese di fundraising integrato sta scaldando i motori per offrire nuove opportunità formative dopo un periodo di sospensione dovuto al Covid-19. Settimane lontani dalle aule che non sono state infruttuose, come confida la stessa Zanella «abbiamo testo nuove modalità formative e pensato a nuovi contenuti da proporre». È infatti stato lanciato il nuovo programma formativo che sarà un programma 2.0 e che per i prossimi mesi estivi sarà solo online.

«Nel rispetto della normativa vigente in materia sanitaria che ancora prevede disposizioni di forte contenimento, la Fundraising Academy» conferma Zanella (nella foto) fondatrice e ideatrice della stessa Academy, «è pronta a ripartire e lo fa proponendo l’erogazione di attività formative solo via web fino a settembre. Mese in cui partirà la formula ibrida».

E a settembre prenderà il via la quinta edizione di Startup Fundraising: 56 ore immersive, suddivise in 4 weekend con la formula del fine settimana. Questo corso intensivo alla raccolta fondi integrata nel 2019 si è aggiudicato l’Award nella sua categoria all’interno della quinta edizione del Premio eccellenza Adriano Olivetti conferito dall’Aif – Associazione italiana formatori (ne avevamo parlato qui).

Quattro i corsi per i quali sono aperte le iscrizioni e che si svolgeranno a giugno online (qui l’elenco), mentre a partire da settembre sono stati già programmati, oltre a Startup Fundraising tre corsi che si terranno tra settembre e novembre sempre con l’opzione online o aula.
A partire dall’autunno, anche a seconda del mutare della situazione e delle disposizioni ministeriali, infatti, i partecipanti potranno decidere se seguire a distanza o, diversamente, opzionare la presenza in aula. «Per questo motivo, stiamo adeguando gli spazi dell’Academy per accogliere al meglio chi deciderà di vivere l’esperienza formativa di presenza in tutta sicurezza, nel rispetto di quanto la legge prevedrà, a cominciare dall’adeguamento delle distanze e della presenza dei dispositivi di protezione personale» spiega Zanella. Online è stata realizzata la pagina: Didattica Sicura dove è possibile trovare informazioni utili per decidere come vivere la propria formazione. L’aula, infatti, è stata ridisegnata secondo le esigenze attuali e può ospitare un massimo di 10 persone oltre al docente (nell'immagine in apertura il rendering dell'aula).

I cambiamenti imposti dalla sospensione delle attività ha fatto sì che anche la proposta formativa venisse necessariamente modificata: alcune attività sono state rimandate nella seconda parte dell’anno; altre sono state riformulate nei contenuti e riproposte nella sola formula online; altre ancora rinviate al 2021.

Fanno il loro ingresso tra i docenti dell’Accademia milanese di fundraisgin integrato l’avvocato Francesco Paolo Visaggi con un corso dedicato al GDPR (19-16 giugno) e Roberta Curìa, progettista sociale, che si occuperà di Fondazioni e grandi capitali. Con loro ci saranno: Anna Fabbricotti, Christian Elevati, Luisa Cavagnera, Stefano Cerrato, Carolina Fagioli, Sergio Conte, Rosy Battaglia, Eleonora Terrile, Raffaele Picilli, Francesca Lucci, Domenico Maria Caprioli e Julienne Vitali.

Elena Zanella è fiduciosa nella ripartenza e annuncia «qualche novità nei volti e nei contenuti della quinta edizione di Startup Fundraising» oltre a sottolineare come Fundrasing Academy «da oggi è più vicina. Se una persona non può spostarsi e raggiungerci in aula, andiamo noi da lei. Se invece vuol vivere la presenza, può farlo in serenità. Noi crediamo nell’alta formazione e nel trasferimento di competenze. E ci siamo sempre e comunque».

Contenuti correlati