Cristina Nespoli

Mondi vicini

Le parole sono importanti n.3 - Sulle Adozioni Internazionali.

23 Ottobre Ott 2014 1115 23 ottobre 2014
  • ...

Bufera, caos, crisi nelle adozioni.

Queste le parole che leggo, e ne leggo anche altre, con attenzione, dure e tristi e a volte, concedetemelo, pure un po' livorose. La questione non è usare altre parole più o meno confortanti.

Io sono convinta che la fiducia delle famiglie non possa risiedere in parole più belle o più brutte o nei toni più o meno alti. Credo altrettanto fermamente che urlare e inveire sia una prassi consolidata nel nostro Paese nella quale non mi riconosco e mi spaventa, soprattutto perché distoglie l'attenzione dalle vere questioni.

La crisi dei numeri c'è in primis nel numero delle famiglie che si avvicinano al progetto adottivo e che poi ricevono il decreto di idoneità. Come ho più volte già detto questo è il sintomo di un malessere profondo della nostra società che non vede speranza nel futuro e non accoglie i figli, l'unica vera grande risorsa insostituibile di ogni Paese.

E i genitori adottivi, che già sono pochi, sono sempre stati trattati male: dalle Istituzioni e dagli stessi Enti. Costretti a trafile lunghe ed estenuanti, a volte umilianti, con esposizioni di costi esorbitanti e tempi di attesa infiniti. Certo non per tutti è stato così, ma per molti si. E i bambini adottabili: certo che i milioni di bimbi abbandonati non sono tutti adottabili, ma vogliamo anche dire che ben pochi si preoccupano di scoprirlo? Ci si affida a facili e ipocriti slogan per non prendersi la responsabilità, da adulti, di garantire ad ogni bambino l'unico vero diritto che ogni bambino del mondo deve avere: una famiglia che lo ami. E sono sempre i soldi e il potere a fare da padrone, non certo i diritti dei più deboli.

Non mi interessa il carattere della attuale Presidente: che sia simpatica o antipatica non solo non mi interessa ma non mi deve interessare. Mi interessa: Che sia esplicitamente dalla parte della legalità in Italia e nei Paesi dove operiamo. Che lavori giorno e notte perché la macchina delle adozioni riparta dopo anni di silenzio e inattività colpevole delle Istituzioni. Che sia dalla parte dei bambini. A me questo basta per continuare a lavorare e collaborare con chiunque ci sia e al momento lei c'è.