Username
Password
31 ottobre 2014

Ultime notizie

Federazone Russa: Amici dei Bambini inaugura Centro professionale per ragazzi post istituto

di AiBi

Vladimir (Federazione Russa): è il primo intervento per accompagnare ogni anno 200 tra ragazzi e ragazze nella vita sociale e professionale

E\' stato inaugurato a Vladimir, in Federazione Russa, il primo Centro di orientamento professionale per l?inserimento sociale e professionale dei ragazzi usciti dagli istituti. L?inaugurazione del Centro è stato preceduto da una Conferenza sul tema dell\'abbandono minorile in Federazione Russa. Il progetto pilota, primo nel suo genere, è stato realizzato dall?associazione Amici dei Bambini, che in Federazione Russa opera con progetti di cooperazione allo sviluppo e con l?adozione internazionale, in collaborazione con le autorità locali della regione di Vladimir (Dipartimento Amministrativo Regionale dell?Istruzione). Ogni anno il Centro darà formazione e orientamento professionale a circa 200 ragazzi e ragazze. Il progetto di Vladimir sarà il modello che anche in Italia troverà applicazione in vista della chiusura degli istituti per minori al 31 dicembre 2006. ?In un Paese in cui l?adozione internazionale non viene a volte compresa come strumento di protezione dei minori in stato di abbandono da parte di chi si trova in difficoltà ? dice Marco Griffini, presidente di Amici dei Bambini - questo progetto acquista particolare importanza anche per il fatto che a realizzarlo è proprio un ente autorizzato. Ci auguriamo che il Centro rappresenti l?inizio di una lunga serie di interventi a fianco di giovani che non hanno potuto conoscere la carezza della famiglia: il Centro simboleggia non solo la speranza di un futuro migliore per tanti ragazzi che hanno diritto a vivere come persone complete la loro vita; dimostra anche le conseguenze dell?indifferenza verso l?emergenza abbandono e verso un diritto fondamentale per ogni bambino, quello di essere cresciuto e amato in una famiglia?. In Federazione Russa sarebbero oltre 800 mila i minori abbandonati che vivono negli istituti.

Commenti