Username
Password
23 novembre 2014

Welfare

Anziani, Madrid cancella la crisi

di Redazione

AMadrid gli anziani non soffrono la crisi. Anzi, negli ultimi anni il sindaco Alberto Ruiz Gallardón ha aumentato i contributi sociali: si è passati dai 60 milioni del 2003 ai 229 milioni nel 2010. «I servizi di assistenza a domicilio sono il principale supporto e ci permettono di realizzare l'obiettivo della permanenza in casa il più a lungo possibile», afferma Maria Concepción Dancausa, assessore alla Famiglia e ai Servizi sociali. Nel 2010 sono stati destinati più di 128 milioni di euro all'assistenza domiciliare. Così la città è in grado di prendersi cura di 54.400 anziani con una copertura dell'8,9%, mentre nel resto della Spagna la percentuale è del 4,4. Il Comune contribuisce al 93% del costo del servizio, gli utenti al restante 7%. La teleassistenza è il servizio che gli over 65 madrileni apprezzano di più: ne usufruiscono circa 100mila famiglie, con una copertura del 15% degli anziani della capitale, contro una media spagnola del 4,4%. «Investiamo altri 25 milioni di euro in questo servizio, che è gratuito per gli utenti», ricorda l'assessore.
Quasi il 19% degli oltre 3,2 milioni di abitanti della capitale spagnola ha raggiunto la terza età, per loro ci sono 84 centri municipali alle cui attività partecipano in 260mila, oltre a 105 centri diurni per malati di Alzheimer e per persone con gravi deficit fisici. Di questi 60 sono comunali e 45 convenzionati, per un totale di 4.648 posti. Il costo è stato di 50 milioni, 31,4 a carico del Comune e 18,6 su contributo dei cittadini. «Non sono luoghi dove vengono parcheggiate le persone. L'obiettivo è compensare la perdita di autonomia e sostenere le famiglie», spiega la Dancausa.
TAG: welfare

Commenti