Username
Password
20 settembre 2014

fondazione ant

Cure palliative, esperienze europee a confronto

di Redazione

Dal 12 a l 14 settembre, per i 35 anni di Ant, Bologna ospiterà un congresso internazionale che presenterà modelli innovativi e al tempo stesso sostenibili

ant

L’OMS stima che nel 2020 circa 10 milioni di decessi saranno causati da una patologia oncologica, dai 2 ai 3 milioni solo nei paesi industrializzati. Lo scenario che si prefigura è quello di un aumento della popolazione anziana con patologie tumorali che necessiterà di assistenza. Questo impone agli Stati di predisporre politiche sanitarie orientate a una gestione delle cure palliative che sia efficace per i pazienti e per le loro famiglie, ma al tempo stesso sostenibile in termini economici.

Alla luce di queste considerazioni la Fondazione ANT Italia Onlus – la più ampia esperienza non profit nel nostro paese per l’assistenza domiciliare oncologica gratuita – ha organizzato dal 12 al 14 settembre 2013 il congresso internazionale "The Dignity of Life until the Last Breath. Innovative models in cancer palliative care". Per tre giorni oltre cinquanta esperti provenienti da vari Paesi europei, da ospedali pubblici e privati, centri accademici di eccellenza, organizzazioni non profit e Onlus si ritroveranno a Bologna per confrontarsi sui modelli assistenziali presenti in Europa nel campo delle cure palliative e della home care. Uno sguardo sullo sviluppo delle cure palliative nel mondo arriverà direttamente dagli USA, grazie alla lettura magistrale della dottoressa Kathleen M. Foley (Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York). Media partner del congresso internazionale realizzato da ANT è il mensile VITA, la testata di riferimento per il mondo del non profit.

Organizzato in sessioni tematiche e tavole rotonde, l’appuntamento di settembre a Bologna mette a confronto diverse esperienze europee di cure palliative, con particolare riferimento a modelli innovativi che prevedano la partecipazione integrata di diverse realtà territoriali. Tra coloro che porteranno il proprio contributo ricordiamo: Guido Biasco, Augusto Caraceni, Yvonne Engels, Guido Fanelli, Gianfranco Gensini, Hegedus, Vice Direttore Semmelweis University, Marco Maltoni, Phil McCarvill, Luca Moroni, Francesco Ripa di Meana, Gianlorenzo Scaccabarozzi, Bohulm Skala, Marco Spizzichino, Adriana Turriziani, Paul Vanden Berghe, Sergio Venturi.

L’evento scientifico sarà inaugurato a Bologna giovedì 12 settembre alle 16 nell’Aula Magna della sede nazionale della Fondazione ANT. Porteranno il loro saluto Wojciech Dziworski, Funzionario della Commissione Europea - Richard Bergstrom,  Direttore Generale European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations (EFPIA) - Danila Valenti, Responsabile della Rete delle Cure Palliative dell’Azienda AUSL di Bologna - Stefano Zamagni, Professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna. Seguirà la lettura magistrale del Prof. Franco Pannuti.

I lavori proseguiranno venerdì 13 e sabato 14 nel cuore di Bologna, nel Salone Bolognini del Centro San Domenico (in Piazza San Domenico, 13). Nella prima giornata di lavori si parlerà di Modelli assistenziali integrati: verso la continuità di cura e di Cure palliative in Italia: una sanità efficace e sostenibile. Nelle sessioni pomeridiane si affronterà il tema La formazione in cure palliative e il tema L’impiego degli analgesici oppioidi nel trattamento del dolore oncologico. La giornata del 14 settembre offrirà un panorama della situazione europea sull’organizzazione delle cure palliative. Se ne discuterà nelle due sessioni, Cure palliative in Europa: esperienze a confronto e Indicatori di qualità: quale futuro per le cure palliative in Italia e in Europa. Infine, l’ultima tavola rotonda verrà dedicata alla Tecnologia al servizio dell’home care. Chiuderà i lavori il Prof. Pannuti.

L’iscrizione al convegno è gratuita e sono previsti 6,5 crediti formativi ECM per le figure professionali di Medico Chirurgo, Psicologo, Infermiere e Infermiere pediatrico. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Fondazione ANT (051 7190132 – formazione@ant.it) oppure lo Studio E.R. Congressi – Triumph Group (051 4210559 – ercongressi@triumphgroup.it).
 

Commenti