Non Profit

Ripartizione dei finanziamenti per gli anni 2000, 2001 e 2002 per la realizzazione di strutture per le cure palliative

5 Settembre Set 2001 0200 05 settembre 2001

  • ...
  • ...

DECRETO 5 settembre 2001 Ripartizione dei finanziamenti per gli anni 2000, 2001 e 2002 per la realizzazione di strutture per le cure palliative. (GU n. 266 del 15-11-2001) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il decreto-legge 28 dicembre 1998, n. 450, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 1999, n. 39; Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l\'art. 16, comma 3, della legge 1994, n. 109, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto l\'art. 2, comma 5, della legge 28 dicembre 1995, n. 549, e successive modificazioni ed integrazioni; Visto il decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281; Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 luglio 1998, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 1998; Visto il decreto ministeriale del 29 settembre 1999; Vista la legge 29 dicembre 1999, n. 488, che integra, nella tabella F, i finanziamenti della citata legge n. 39/1999; Visto l\'art. 92, comma 17, della legge 23 dicembre 2000, n. 388; Acquisita l\'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano nella seduta del 29 maggio 2001; Decreta: Art. 1. 1. Per le finalita\' indicate in premessa sono assegnate alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano le risorse finanziarie relative agli anni 2000, 2001 e 2002 nelle misure indicate nell\'allegato 1 al presente decreto, di cui costituisce parte integrante, calcolate in base al tasso di mortalita\' regionale per neoplasie e al tasso di mortalita\' generale. 2. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, entro centocinquanta giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto, presentano al Ministero della salute i progetti preliminari, di cui all\'art. 16, comma 3, della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni ed integrazioni, per la realizzazione di centri residenziale di cure palliative - hospice e i piani per l\'integrazione dell\'attivita\' delle strutture con le altre attivita\' di assistenza ai pazienti terminali. 3. I centri sono realizzati prioritariamente attraverso l\'adeguamento e la riconversione di strutture, di proprieta\' di aziende unita\' sanitarie locali o di aziende ospedaliere, inutilizzate anche parzialmente, ovvero di strutture che si siano rese disponibili in conseguenza della ristrutturazione della rete ospedaliera secondo i criteri stabiliti dall\'art. 2, comma 5, della legge 28 dicembre 1995, n. 549, e successive modificazioni ed integrazioni. 4. Il Ministero della salute valuta la congruita\' dei progetti e dei piani con i criteri stabiliti dal decreto ministeriale del 28 settembre 1999, ne verifica la compatibilita\' con le risorse assegnate e approva i progetti e i piani. 5. Il Ministero della salute provvede all\'erogazione delle risorse finanziarie di cui al comma 1, alle singole regioni e province autonome, a seguito dell\'approvazione dei progetti e dei piani. 6. Decorso, senza giustificati motivi, il termine di cui al comma 2, le somme non richieste dalle regioni e dalle province autonome, saranno revocate e riassegnate con successivo provvedimento del Ministero della salute, d\'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Art. 2. 1. Il Ministero della salute, d\'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, procede alla verifica dell\'attuazione del programma di cure palliative sulla base di specifici indicatori entro tre anni dalla pubblicazione del presente decreto. 2. Le aziende unita\' sanitarie locali e le aziende ospedaliere individuano e utilizzano strumenti idonei per la valutazione sistematica e continuativa della soddisfazione del servizio da parte dei pazienti e dei loro familiari. Art. 3. 1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano attivano programmi di comunicazione ai propri cittadini, mirati a diffondere informazioni sull\'istituzione, la localizzazione, le finalita\', le caratteristiche e le modalita\' di accesso alle strutture dedicate alle cure palliative e alla rete integrata delle altre attivita\' di assistenza presenti sul territorio e ne verificano l\'efficacia. I programmi regionali di comunicazione sono trasmessi al Ministero della salute contestualmente ai progetti e ai piani di cui all\'art. 3. 2. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano promuovono programmi di formazione del personale impegnato nella rete di assistenza. Art. 4. 1. Il presente decreto sara\' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 5 settembre 2001 Il Ministro: Sirchia Registrato alla Corte dei conti il 26 settembre 2001 Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla persona e dei beni culturali, registro n. 6, foglio n. 236 Allegato 1 FINANZIAMENTO PER LE STRUTTURE PER LE CURE PALLIATIVE (Anni 2000-2002) ===================================================================== Regioni | Finanziamenti ===================================================================== Piemonte.... | 12.827.823.648 Val d\'Aosta.... | 626.701.545 Lombardia.... | 23.790.515.996 Bolzano.... | 974.840.757 Trento.... | 1.219.580.236 Veneto.... | 11.408.639.958 Friuli.... | 3.958.731.564 Liguria.... | 5.788.358.843 Emilia-Romagna.... | 11.943.170.086 Toscana.... | 10.771.541.206 Umbria.... | 2.337.541.187 Marche.... | 3.824.998.835 Lazio.... | 12.133.813.150 Abruzzo.... | 3.026.096.237 Molise.... | 788.234.893 Campania.... | 11.079.233.345 Puglia.... | 7.716.875.895 Basilicata.... | 1.247.172.219 Calabria.... | 3.968.022.911 Sicilia.... | 10.627.895.647 Sardegna.... | 3.472.211.843 Totale . . . | 143.532.000.000