VITA

Associazione apurimac

5 Aprile Apr 2002 0200 05 aprile 2002

“Scegli la vita” é lo slogan con cui, grazie al sostegno a distanza, aiuta i bimbi della regione più povera del Perù

  • ...
  • ...

“Scegli la vita” é lo slogan con cui, grazie al sostegno a distanza, aiuta i bimbi della regione più povera del Perù

Associazione Apurimac via della Scrofa 80 00186 Roma tel. 06.68006397 fax 06.6875995 apurimac@tiscali.it Fondata nel 1992 Presidente: padre Pietro Bellini Scopo: sostegno a distanza Grau, Antabamba e Cotabambas sono le tre province alte dell?Apurimac, una regione sulla Cordigliera delle Ande peruviane. Qui, in un territorio di circa 8mila kmq, in una delle zone più povere del Perù, gli Agostiniani italiani da 25 anni si occupano della cura di 80mila anime. I più deboli sono i bambini: il 78% soffre di denutrizione cronica, il 99% non può soddisfare le necessità primarie, 119 ogni mille muoiono prima di compiere l?anno. È pensando a questa realtà che nel 1992 si è costituita l?associazione Apurimac, che promuove la collaborazione culturale ed economica con i Paesi del terzo mondo attraverso il sostegno alle missioni. ?Scegli la vita? è il progetto di cui i soci sono più orgogliosi. L?iniziativa consente di adottare a distanza un bambino ?sconosciuto?. «A differenza di altri enti», spiega Beatrice Spagnolo, socia e medico volontario, «non inviamo né il nome né le foto del bambino. La povertà generalizzata non ci permette di sceglierne uno da sostenere quando tutti versano nelle stesse condizioni di miseria. In Perù esistono organizzazioni che rapiscono bambini a scopo di adozione o di trapianto di organi e i genitori temono la segnalazione dei loro figli. La solidarietà, quando è autentica, non ha bisogno di ringraziamenti, è gratificante di per se stessa». La somma versata è impiegata per finanziare le ?comedores?, mense che forniscono l?unico pasto giornaliero dei piccoli che percorrono due-tre ore di cammino per andare a scuola; collegi, come la Casa del Niño a Chuquibambilla, dove trovano alloggio bambini abbandonati; i dispensari, ambulatori in cui è possibile trovare soccorso medico; le microrealizzazioni. Michela Luison