VITA

Non chiama nessuno, chiude telefono antiracket a Palermo

29 Giugno Giu 2004 0200 29 giugno 2004

Il centralino era un'iniziativa della Confesercenti

  • ...
  • ...

Il centralino era un'iniziativa della Confesercenti

Contro il racket e l'usura la Confesercenti di Palermo aveva attivato a marzo un numero di telefono per offrire ai commercianti del capoluogo siciliano, soffocati dal racket, un modo per ribellarsi e denunciare i loro aguzzini. L'iniziativa era stata pubblicizzata con numerosi manifesti e volantini distribuiti a buona parte dei negozi della citta'. Ma da marzo ad oggi quel telefono non ha mai squillato e dopo 5 mesi di 'silenzio' l'organizzazione di categoria degli esercenti ha deciso, seppur con grande amarezza, di disattivarlo. A darne notizia, oggi, il segretario della Confesercenti di Palermo, Giovanni Felice. ''Lo abbiamo chiuso -afferma- perche' non ha mai chiamato nessuno, proprio nessuno. Perche' a Palermo, a sentire i commercianti, nessuno paga il pizzo''.