VITA

Tutti dentro. Un evento shock in Triennale e un numero di Communitas

21 Febbraio Feb 2006 0100 21 febbraio 2006

Il carcere in 14 stazioni e incontri: si apre domani. Un numero speciale di Communitas per l'evento nelle librerie Feltrinelli dal 27 febbraio. Anteprima da VITA in edicola

  • ...
65479 Big
  • ...

Il carcere in 14 stazioni e incontri: si apre domani. Un numero speciale di Communitas per l'evento nelle librerie Feltrinelli dal 27 febbraio. Anteprima da VITA in edicola

di Sara De Carli Il colpaccio è riuscito. Il carcere invisibile si è conquistato una vetrina di primo piano, di quelle che in genere sono inarrivabili anche per chi di visibilità ed esposizione ci campa. Il carcere - con i suoi problemi e soprattutto con i suoi abitanti: detenuti, amministratori, operatori e volontari - entra in Triennale, il tempio dell?arte milanese, e ci entra dalla porta principale. Dal 23 febbraio al 19 marzo qui verrà ospitata Carcere invisibile e corpi segregati, una rappresentazione-evento dedicata alla vita in carcere: la ricostruzione di 14 celle, con gli odori e i rumori del carcere, la schedatura, le impronte digitali, e poi dibattiti, incontri con i detenuti, film, spettacoli teatrali. Davide Rampello, 58 anni, presidente della Fondazione Triennale, un passato da artista eclettico, da autore e regista televisivo a professore universitario, a direttore artistico del Carnevale di Venezia, pesa le parole: «Lavorare sui problemi sociali ed antropologici del nostro vissuto quotidiano, con l?obiettivo di rappresentarli nella loro crudezza e problematicità, è in grado di elevare gli stessi codici delle arti espressive». Avete in mente l?Inno alla gioia di Schiller, quello che poi Beethoven musicò nella Nona? Dice così: «Salve o gioia, figlia della luce, dea dei fior. Il tuo canto asciuga il pianto, oscura il duol». Rampello accenna la melodia, e poi dice: «La gioia è uno dei poli della vita dell?uomo, e quindi dell?arte. Ma c?è anche un altro polo, quello della sofferenza, e io ho sempre avuto più attenzione per quello. Sono convinto che l?arte debba affrontare tutti i temi, e in particolare i più cruciali per la società. Il prossimo su cui mi piacerebbe lavorare è la solitudine degli anziani». La mostra-evento sul carcere quindi si inserisce in un percorso più ampio che il Comitato scientifico della Triennale ha deciso di intraprendere e che - rivela Rampello - nel 2008 porterà a una grande Expo incentrata su temi sociali e antropologici. La rappresentazione della pena, questo il titolo generale dell?evento, ha insegnato un metodo. [...]
  • L'articolo completo su Vita Magazine in edicola o online per i soli abbonati a Vita!
  • Teatro, cinema, fotografia Il carcere si mostra. Ma è molto di più che una mostra di Redazione Valerio Onida dice che il carcere lo puoi vedere da due prospettive. C?è la parte giusta delle sbarre, quella delle teorie, dell?amministrazione e dei pregiudizi. E poi c?è la parte sbagliata delle sbarre, che però è l?unica giusta per capire. La mostra-evento della Triennale è anche questo, un cortocircuito fra i due sguardi. Nata da un progetto di Origoni e Steiner associati, coordinata da un comitato scientifico guidato da Aldo Bonomi, la mostra è un laboratorio di racconto e di confronto sulla realtà del carcere, con nomi e appuntamenti di grande rilievo. Tra le personalità coinvolte nella lunga carrellata di incontri che punteggiano i 26 giorni di apertura della mostra, troviamo Gianni Canova, Lucia Castellano, Luigi Pagano, Massimo Cacciari, Virginio Colmegna... [...]
  • Continua a leggere l'articolo sul Magazine on line
  • Uno sguardo oltre le sbarre Il nuovo numero di Communitas Un numero speciale di Communitas fa da guida-catalogo alla mostra organizzata dalla Triennale di Milano. Nel volume potrete leggere il racconto completo di quell?episodio del 1975,che venne pubblicato dall?Espresso, coprendo però il nome del protagonista. Tantissimi sono i contributi che compongono il numero di Communitas dedicato al carcere. I lettori che non fossero abbonati alla rivista, la possono trovare nelle librerie Feltrinelli, a partire dal 27 febbraio.
    Inoltre su VITA Magazine in edicola: e per i soli abbonati su Vita.it
  • Quei miei giorni a San Vittore di Aldo Bonomi Anteprima. Aldo Bonomi su Communitas racconta un'esperienza personale di 30 anni fa: «ho vissuto l'esperienza della "vita nuda" segregata. Per questo ne scrivo. Come scrivo della "nuda vita" di chi vive comunicando, per spostare il limite del morire...»
  • Volontariato come pena alternativa. Un centro servizi apre le porte di Stefano Arduini Il 16 febbraio 2006, prima volta in italia, un Ufficio di esecuzione penale esterna dell'amministrazione penitenziaria e un Centro servizi volontariato hanno firmato un protocollo d'intesa. Scopo: aprire le porte del volontariato ai detenuti che tanno scontando la pena in misura alternativa Leggi il sommario di VITA Magazine 07/2006: "Che Prodi sarà?"