VITA

Droga: Psichiatri, occhio alla cannabis ogm

5 Giugno Giu 2007 0200 05 giugno 2007

Cocktail di alcol e stupefacenti e cannabis 'ogm' con percentuali sempre piu' alte di sostanza attiva. Sono questi i due fenomeni emergenti nel mondo dei giovani che secondo la Societa' italiana d

  • ...
  • ...

Cocktail di alcol e stupefacenti e cannabis 'ogm' con percentuali sempre piu' alte di sostanza attiva. Sono questi i due fenomeni emergenti nel mondo dei giovani che secondo la Societa' italiana d

Cocktail di alcol e stupefacenti e cannabis 'ogm' con percentuali sempre piu' alte di sostanza attiva. Sono questi i due fenomeni emergenti nel mondo dei giovani che secondo la Societa' italiana di psichiatria (Sip) devono destare allarme, ne dà notizia l'AdnKronos. Per diversi motivi: la cannabis, il cui utilizzo e' in crescita, aumenta il rischio di psicosi e schizofrenia e, nei soggetti in cura psichiatrica, riduce l'effetto delle terapie e aumenta la durata di ricoveri e degenze. Per fronteggiare l'emergenza, hanno annunciato gli esperti durante un incontro che si e' svolto oggi a Milano, 500 giovani psichiatri italiani sono pronti ad andare nelle scuole, e nei punti di ritrovo degli adolescenti, per informare sulle conseguenze psicofisiche e sugli effetti della droga. Una task-force che si mette a disposizione delle istituzioni per garantire la formazione dei docenti e organizzare colloqui motivazionali, strutture ad hoc e siti web di auto-aiuto. ''Abbiamo chiesto di incontrare il ministro della Solidarieta' Sociale, Paolo Ferrero, entro giugno'', spiega il presidente della Sip, Mariano Bassi, in forze al Dipartimento salute mentale dell'Usl Bologna. ''Gli offriamo l'esperienza della Sip e della Societa' italiana delle dipendenze per sportelli di consulenza attraverso cui organizzare programmi specialistici sulla prevenzione, la diagnosi e la cura dei soggetti che consumano cannabis''. Prendendo esempio anche dai Paesi europei all'avanguardia nelle misure di contrasto al fenomeno delle droghe. ''In Danimarca, Germania e Austria - racconta Bassi - sono stati addirittura organizzati dei corsi che insegnano l'arte del corteggiamento per quei ragazzi che cominciano a farsi gli spinelli per porre rimedio a difficolta' relazionali e alla scarsa capacita' comunicativa''.