VITA

La fiera ha un sogno,diventare un mosaico

15 Marzo Mar 2008 0100 15 marzo 2008

Quest'anno tante le novità dell'appuntamento del terzo settore

  • ...
  • ...

Quest'anno tante le novità dell'appuntamento del terzo settore

Il 13 porta bene. Il 2008 è il tredicesimo compleanno di Civitas, e nella vita a quest?età c?è pieno fermento, si aprono nuovi orizzonti e si sperimentano le capacità. Civitas è un po? così. Negli anni è cresciuta, ma è arrivato il tempo di ripensarsi in una società in piena trasformazione. Non è infatti il momento in cui ci si può accontentare, è necessario puntare in alto, con il coraggio del sogno da realizzare: essere un luogo in cui poter pensare, costruire, e diffondere strategie ed esperienze che diano qualità di vita alle persone e alle comunità.

Con l?edizione di quest?anno, Civitas ha deciso di migliorare la propria efficacia e quindi di cambiare. Il passaggio non sarà semplice e immediato: ci vorranno pazienza, cura e partecipazione.
Ecco le novità
La nuova prospettiva inizia a concretizzarsi in alcune direzioni. Da una lato in una riorganizzazione delle due componenti storiche della manifestazione, l?area espositiva e quella culturale. Gli spazi e le attività in fiera saranno separati ad un livello strutturale ma anche logico-organizzativo in base alle proposte di espositori, terzo settore, imprese ed istituzioni, in un profilo professionale con prodotti, servizi e rappresentazioni di governance, ed un profilo partecipativo, con le esperienze di cittadinanza, volontariato, movimenti. Realtà diverse esporranno nelle due aree in relazione alla propria identità, al pubblico che desiderano coinvolgere e all?offerta che promuovono. Nel contempo i due settori, completamente comunicanti, permetteranno ai visitatori di orientarsi al meglio nel percorso all?interno dell?area espositiva e di quella culturale, individuando con maggior facilità le informazioni ed i contatti di cui hanno bisogno. Il programma culturale e il calendario dei convegni saranno interamente rimodulati per venire incontro a questa rinnovata concezione.

Un evento diffuso
Un?altra nuova dimensione di Civitas è la manifestazione diffusa. Al consolidato calendario degli eventi del Circuito Civitas in alcune regioni italiane, si aggiunge una vera e propria agenda di proposte e attività culturali che varcheranno le porte dello spazio fieristico di Padova e si estenderanno al di fuori della consueta tre giorni di maggio, quando molti appuntamenti del programma culturale verranno portati nelle città, per incontrare le persone in modo innovativo, concreto e propositivo, diffondendo per le strade le buone pratiche e gli stessi protagonisti, con tutta l?energia comunicativa di Civitas. È in questo aspetto che il profilo partecipativo porterà la maggior innovazione dei linguaggi di comunicazione nei territori attraverso l?arte, la cultura, gli spazi e la partecipazione locale, permettendo così l?incontro tra i nuovi interlocutori ed i messaggi lanciati dai protagonisti di Civitas . Il calendario in costruzione prevede nei prossimi anni un network tra eventi, incontri e convegni, anche particolari e/o territoriali, articolati intorno alle tematiche dell?edizione lungo l?arco di tutto l?anno e dell?intera penisola, fino a toccare anche altri Stati europei. Chiaramente Civitas non ne sarà l?organizzatore ma il facilitatore, il partner che sostiene il processo di comunicazione.A incorniciare e lanciare la nuova struttura della manifestazione è lo slogan 2008, «Un mosaico da costruire: la Persona, la Città, il Pianeta», nato dall?impegno attivo e fondamentale del costituendo Tavolo di indirizzo culturale, il nuovo organo di confronto ed orientamento di cui Civitas si avvale. Questo titolo collega in modo diretto le importanti celebrazioni in calendario quest?anno: il 2008 festeggia infatti il 60esimo anniversario della Costituzione italiana e della Dichiarazione universale dei diritti dell?uomo, ma celebra anche l?Anno europeo del dialogo interculturale e l?Anno internazionale del pianeta Terra.A partire da queste occasioni, Civitas si propone centro nevralgico e polo attrattivo per la cittadinanza attenta e motivata. È proprio da qui che nasce la proposta di lavorare al mosaico: un insieme di tessere che, nel rispetto della propria identità, si affiancano l?una all?altra per dare un senso al tutto. Ogni tassello della società vive di vita propria, persegue obiettivi specifici ed attiva strategie e pratiche personalissime. Ma proprio dalla relazione di tante identità diverse si possono configurare ruoli, diritti e doveri che determinano la qualità di vita di ognuno.La prospettiva è chiara e impegnativa ma siamo in tanti a crederla possibile e potrete aggiungere la vostra tessera partecipando attivamente da subito alla costruzione di una nuova Civitas.