VITA

Elezioni Roma: la Caritas sceglie Rutelli

23 Aprile Apr 2008 0200 23 aprile 2008

Lettera di don Viscardo Lauro della Caritas Diocesana pubblicata sul sito del candidato

  • ...
  • ...

Lettera di don Viscardo Lauro della Caritas Diocesana pubblicata sul sito del candidato

"Cari amici, stavolta esco con un messaggio insolito ma che sento necessario e urgente". Comincia così la lettera-appello in favore di Francesco Rutelli scritta da don Viscardo Lauro della Caritas Diocesana in vista del ballottaggio per il Campidoglio, riportata oggi dal sito del candidato www.rutelliroma.it. "Da 14 anni ? continua la lettera - svolgo il mio servizio di medicina generale presso l'Ambulatorio centrale Caritas Luigi di Liegro alla stazione Termini a favore di tutti coloro che non hanno permesso di soggiorno e sono considerati clandestini di fatto. Lo svolgo con sincera passione. I nostri colleghi si recano con grande dedizione, mediante un camper sanitario, presso i campi dei nomadi. (...) Domenica 26 e lunedì 28 siamo chiamati a fermare la minaccia che a Roma si insedi un uomo e uno schieramento che più volte si è dichiarato contrario a forme di accoglienza per immigrati che si trovano anche temporaneamente in difficoltà col permesso di soggiorno. La loro impronta ? sottolinea don Viscardo - è dichiaratamente razzista e di fede fascista. Avversi perfino al loro presidente quando si recò a Gerusalemme. Ricordo l'anno 2000 quando l'Ambulatorio (fortemente voluto da don Luigi e dall'attuale direttore Salvatore Gerace) fu inaugurato proprio da Francesco Rutelli, grande amico di don Luigi. Ero presente e tuttora sono molto lusingato di svolgervi un servizio medico. Sì, è vero, noi curiamo proprio i cosiddetti clandestini. Come dice il vangelo, il giuramento d'Ippocrate e la ragione civile".