VITA

Cinque per mille, è boom anche nel 2008

9 Giugno Giu 2008 0200 09 giugno 2008

Vita Magazine ha raccolto i primi dati dai Caf sulle firme dei contribuenti. I responsi sono molto positivi: adesioni cresciute rispetto agli anni passati

  • ...
  • ...

Vita Magazine ha raccolto i primi dati dai Caf sulle firme dei contribuenti. I responsi sono molto positivi: adesioni cresciute rispetto agli anni passati

VITA in edicola: Vacanze al plurale

Finisce la scuola. Per centinaia di migliaia di ragazzi inizia l'avventura delle vacanze di gruppo. Una nchiesta tra esperti ed educatori

Leggi il sommario!

Cinque per mille sugli scudi anche nel 2008? Sembrerebbe di sì, anche se la stagione delle dichiarazioni è ancora in corso e si è chiusa il 3 giugno soltanto per quanto riguarda i 730. Ma dalle primissime stime un dato sembra emergere con chiarezza: agli italiani questo strumento continua a piacere, e molto, se è vero che viene scelto da una percentuale altissima di contribuenti, addirittura tra il 70 e il 90%. Certo, sono dati da prendere con tutte le cautele del caso: innanzitutto sono riferiti quasi soltanto ai 730, cioè ai modelli che per lo più vengono ?trattati? dai Caf, e per di più arrivano da due sole centrali di assistenza fiscale, Cisl e Cna. È da considerare inoltre che quest?anno le scadenze fiscali sono particolarmente ravvicinate, e quindi lo ?spoglio? delle dichiarazioni - se così si può dire - è ancora da ultimare. Resta il fatto però che, interpellati da Vita, alcuni responsabili dei Caf si sono sbilanciati: «La percentuale dei contribuenti che destinano il 5 per mille è leggermente cresciuta rispetto al 2007», afferma Valeriano Canepari, responsabile dei Caf Cisl. «Quindi direi che ci attestiamo attorno al 70% delle dichiarazioni». Ancora più ottimista Roberto Vitale, a capo dei Caf Cna: «Non posso dare una visione d?insieme, né tantomeno numeri ufficiali», premette, «ma direi che la quasi totalità di chi sceglie i nostri sportelli di Roma per presentare la dichiarazione dei redditi porta con sé il codice fiscale dell?ente prescelto come destinatario del 5 per mille. Sì, siamo attorno al 90%».

Il resto dell'inchiesta su Vita non profit magazine in edicola questa settimana