VITA

"Le Iene" condannate per inchiesta onorevoli e droga

10 Giugno Giu 2008 0200 10 giugno 2008

Condanna confermata per i due giornalisti autori della trasmissione

  • ...
  • ...

Condanna confermata per i due giornalisti autori della trasmissione

La Cassazione ha confermato la condanna al programma tv "Le Iene" per aver violato la privacy di senatori e deputati con il test antidroga eseguito attraverso la prova del tampone in fronte su 50 deputati e 16 senatori.

Per la Suprema Corte, i giornalisti autori del servizio non solo hanno violato la privacy dei parlamentari ma ne hanno pure danneggiato ''l'immagine pubblica e l'onorabilita''' visto che con questo test ''tutti i parlamentari potevano essere indiscriminatamente sospettati di assumere stupefacenti''. In particolare, ricostruisce la terza sezione penale con la sentenza 23086, Davide Parenti e Matteo Viviani erano stati condannati il 16 ottobre del 2007 dal gip del Tribunale di Roma per il reato previsto dall'art. 167 dlvo 196/2003 ''per avere, in qualita' di ideatori di un servizio televisivo avente ad oggetto il consumo di stupefacenti, proceduto, senza il consenso degli interessati e l'autorizzazione del garante, alla raccolta di dati personali sensibili, campioni organici di 50 deputati e 16 senatori, e alla successiva analisi per accertare l'eventuale traccia di sostanze stupefacenti''. Da qui la condanna del gip ai due giornalisti.