VITA

Al via in Olanda conferenza su "diplomazia di città"

11 Giugno Giu 2008 0200 11 giugno 2008

Lo annuncia Flavio Lotti della tavola della pace

  • ...
  • ...

Lo annuncia Flavio Lotti della tavola della pace

Si apre ufficialmente questa sera all'Aia, in Olanda, la prima Conferenza Mondiale sulla Diplomazia delle Citta'. Ad annunciarlo il direttore del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani, Flavio Lotti evidenziando che per tre giorni, nel Palazzo della Pace, amministratori locali di tutto il mondo, esperti delle Nazioni Unite e della societa' civile, docenti e ricercatori di numerose universita' europee e americane cercheranno di definire cosa possono fare le istituzioni locali per prevenire e fermare le numerose guerre che insanguinano il mondo.

''Giorgio La Pira ne sarebbe davvero orgoglioso! -ha dichiarato Lotti giunto ieri a l'Aia- per la prima volta nel mondo accenderemo i riflettori su attori ed esperienze che vengono quasi sempre ignorate dai governi e dai grandi mezzi di comunicazione. Qual che sia la ragione per cui scoppiano, le guerre distruggono ovunque le citta' e la vita delle donne, uomini e bambini che le abitano. Per questo e' necessario riflettere sul ruolo che i comuni, le province e le regioni di tutto il mondo possono svolgere per prevenire e risolvere i conflitti''. ''Negli ultimi anni -prosegue Lotti- sta crescendo in tante parti del mondo una nuova consapevolezza tra le autorita' locali e questa Conferenza cerchera' di tracciare la strada per accrescere l'efficacia della diplomazia delle citta'. Ci stiamo lavorando da tre anni - continua Flavio Lotti- all'interno del Comitato sulla diplomazia delle citta' istituito a Pechino nel 2005 dall'Associazione mondiale delle citta' e dei governi locali (Uclg). Nell'ottobre 2006 abbiamo organizzato a Perugia la prima conferenza preparatoria riunendo decine di amministratori locali provenienti dal Medio Oriente, dal Mediterraneo, dall'Africa e dall'America Latina. E ora all'Aia getteremo le basi per un'azione sempre piu' organica e coordinata''.