Adozioni e Affido

PUBBLICITA'. Lo spot "Fidarsi è bene, ma affidarsi è bello"

18 Dicembre Dic 2008 1843 18 dicembre 2008

E' il 1° spot sull’affido familiare che sarà presentato in anteprima il 23 dicembre

  • ...
  • ...

E' il 1° spot sull’affido familiare che sarà presentato in anteprima il 23 dicembre

Fidarsi è bene, ma affidarsi è bello è il titolo del primo spot sull’affido familiare che sarà presentato in anteprima nazionale martedì 23 dicembre 2008 alle ore 11.00 a Napoli, presso l'Antisala dei Baroni del Maschio Angioino.
Lo spot ha l’obiettivo di sensibilizzare le famiglie alla pratica dell’affido, che permette a bambini e ragazzi in situazioni di disagio di poter recuperare la serenità con l’accoglienza temporanea in altre famiglie.
Diretto dal regista Angelo Serio, vede come protagonista l’attrice Isa Danieli, stimata interprete teatrale e cinematografica, testimonial della Fondazione Affido onlus, l’unica nel Mezzogiorno esclusivamente dedicata all’affidamento familiare.
Oltre alla protagonista dello spot Isa Danieli, che spiegherà le ragioni della sua testimonianza, interverranno alla presentazione (cui seguirà un breve dibattito): gli assessori alle Politiche sociali della Regione Campania e del Comune di Napoli Alfonsina De Felice e Giulio Riccio; l’assessore alla Solidarietà della Provincia di Napoli Pietro Sagristani; il presidente del Consiglio Regionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Campania Maria Rosaria Minieri; il vicepresidente della Commissione Politiche Sociali dell’Ordine Nazionale degli Assistenti Sociali Gennaro Izzo; il direttore del Dipartimento socio-sanitario dell’Asl Napoli 1 Mario Petrella; il presidente della Fondazione Affido Sergio D’Angelo e la vicedirettrice della onlus napoletana Donatella Volpe.
A introdurre i lavori del dibattito sarà la giornalista e scrittrice Donatella Trotta, presidente dell’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana) Campania, che ha dato il suo patrocinio all’iniziativa.
Nel corso dell’incontro alcune delle famiglie affidatarie venute in contatto con la Fondazione porteranno la loro testimonianza sull’esperienza dell’affido, attraverso il racconto del proprio percorso.