Religioni

GAZA. Raccolta fondi della Custodia di Terrasanta

16 Gennaio Gen 2009 1624 16 gennaio 2009

L'obiettivo è dare un aiuto immediato alla popolazioni coinvolte nel conflitto. "Aiuteremo le attività delle due realtà cristiane di Gaza", spiega il Custode Pizzaballa

  • ...
  • ...

L'obiettivo è dare un aiuto immediato alla popolazioni coinvolte nel conflitto. "Aiuteremo le attività delle due realtà cristiane di Gaza", spiega il Custode Pizzaballa

La Custodia di Terra Santa lancia con forza l'appello alla solidarieta' verso le vittime della guerra che si sta combattendo nella Striscia. E' quanto si legge in un comunicato diffuso oggi pomeriggio dall'istituzione francescana di Gerusalemme. Il Custode, padre Pierbattista Pizzaballa, ha espresso l'urgenza di un aiuto immediato alle popolazioni colpite nel conflitto, mettendo a disposizione Ats, Associazione di Terra Santa, l'ong della Custodia (vedi anche il sito Terrasanta.net), per realizzare una raccolta fondi che andra' a beneficiare due realta' cristiane di Gaza: la parrocchia cattolica e le suore di Madre Teresa. Padre Manuel Mussallam e' il parroco della parrocchia della Sacra Famiglia di Gaza e il direttore della omonima scuola.

"In questi giorni - spiega la Custodia francescana - e' sempre rimasto tra la sua gente, instancabilmente ha gridato alle atrocita' della guerra, correndo in soccorso, con aiuti, presenza e preghiere, delle persone colpite dal conflitto". "E' una tragedia umanitaria manca acqua, elettricita', cibo, supporto umanitario. Migliaia di bambini stanno sperimentando il trauma della guerra -ha raccontato il parroco- migliaia di persone sono ferite, e rimarranno per sempre disabili. Tutte le famiglie della Striscia di Gaza stanno soffrendo e piangendo le loro vittime". Le suore di Madre Teresa, le Missionarie della Carita', invece sono presenti da anni nella Striscia e si occupano, come e' loro consuetudine in tutto il mondo, dei piu' poveri e dei bambini.