Salute

AIDS. Fondi in calo per la ricerca sui vaccini

20 Luglio Lug 2009 1452 20 luglio 2009

Nel 2008 finanziamenti diminuiti del 10% rispetto all'anno precedente

  • ...
  • ...

Nel 2008 finanziamenti diminuiti del 10% rispetto all'anno precedente

Si contraggono, per la prima volta da quasi 10 anni, i fondi per ricerca e sviluppo di vaccini anti-Hiv. Nel 2008 sono stati stanziati 868 milioni di dollari, la fetta piu' grossa delle risorse per la prevenzione dell'Aids, ma in calo del 10% rispetto al 2007. E' quanto emerge da uno studio condotto dal Gruppo di lavoro sulle risorse destinate a vaccino e mcrobicidi, presentato oggi alla V conferenza della International Aids Society, in corso a Città del Capo, Sudafrica.

Il segno meno davanti ai finanziamenti, secondo il rapporto, e' il risultato di un cambiamento delle priorita' nell'agenda della salute globale, con nuove voci che entrano prepotenti, e della crisi economica. Ma e' anche la 'spia' di un cambiamento di strategia, all'interno di questo contesto generale di recessione, verso altri metodi di prevenzione dell'Hiv: microbicidi e farmaci antiretrovirali usati come profilassi per difendersi dal virus.

Nel 2008 gli investimenti in ricerca per la prevenzione dell'Aids hanno raggiunto quota 1,2 miliardi di dollari: 868 mln per ricerca e sviluppo di vaccini, in calo del 10% rispetto all'anno precedente; 244 mln per i microbicidi, +8% rispetto al 2007. In aumento anche le risorse stanziate per testare gli anti-retrovirali con profilassi contro il virus, +13%. Dietro questo cambiamento di rotta anche il minor interesse delle aziende farmaceutiche e il conseguente calo di fondi per la ricerca sui vaccini, dopo lo stop dei trial clinici su un prodotto sviluppato da Merck. Colossi del farmaco e company biotech totalizzano solo il 4% dei fondi investiti in questo settore.

La ricerca di armi per prevenire il contagio è comunque, in generale, ancora una goccia nel 'mare' dei fondi destinati dai Paesi occidentali ai programmi di trattamento e prevenzione in quelli in via di sviluppo: 8,7 miliardi di dollari nel 2008, in crescita rispetto ai 6,6 mld del 2007. Oggi però questo mare ha cominciato a ritirarsi in modo preoccupante, come hanno sottolineato gli esperti durante la conferenza di Citta' del Capo. «L'epidemia di Hiv/Aids non mostra segni di rallentamento» ha affermato Mitchell Warren, direttore esecutivo dell'Avac «e il disperato bisogno i nuovi strumenti di prevenzione non cessa». La stragrande maggioranza dei fondi continua ad arrivare dagli Stati Uniti, che nel 2008 hanno sostenuto il 71% della ricerca e sviluppo (R&S) di vaccini, il 63% di R&S di microbicidi e il 43% della ricerca sulla profilassi con gli antiretrovirali prima del contagio.