SANITA'

Presentato il rapporto "Bambini e Aids"

30 Novembre Nov 2009 1837 30 novembre 2009

Realizzato congiuntamente da UNICEF, UNAIDS, UNFPA e OMS.

  • ...
  • ...

Realizzato congiuntamente da UNICEF, UNAIDS, UNFPA e OMS.

E' stato lanciato oggi da quattro agenzie delle Nazioni Unite il rapporto “Bambini e AIDS: 4° rapporto di aggiornamento 2009”, realizzato congiuntamente da UNICEF, UNAIDS, UNFPA e OMS. Il rapporto dispone di dati sugli interventi per la protezione delle donne e dei bambini dall’HIV/AIDS e fissa tutta una serie di principi per migliorare le azioni-guida.

I dati evidenziano che ci sono stati progressi significativi in alcuni paesi sia nel trattamento per impedire la trasmissione da madre a figlio, sia nella diffusione dei test sulla sieropositività delle donne in gravidanza. Il trattamento di prevenzione della trasmissione da madre a figlio è attualmente distribuito in Botswana al 95% delle persone che ne hanno bisogno, in Namibia al 91% e in Sud Africa al 73% - tutti i paesi con un’alta incidenza di HIV.

A livello globale, il 45% delle donne sieropositive in gravidanza riceve il trattamento per evitare la trasmissione dell'HIV ai figli, segnando un incremento di quasi il 200% dal 2005", ha affermato Ann M. Veneman, Direttore generale dell'UNICEF. "La sfida è quella di aumentare gradualmente le cure in paesi come la Nigeria, in cui si trova il 15% del totale delle donne in gravidanza sieropositive nel mondo ". Attualmente solo il 10% delle donne nigeriane ha effettuato il test per l'HIV mentre il 90% delle donne in gravidanza affette da HIV non hanno ancora accesso alla terapia antiretrovirale.

Il legame tra povertà, salute materna e infantile e HIV rimane forte. Tuttavia i risultati sono evidenti laddove i governi hanno assunto impegni forti per affrontare il problema e dove disponibilità di test e cure sono state inserite nei programmi di salute materna e infantile. I progressi saranno più grandi se le concause dell’HIV/AIDS, come la povertà, la disuguaglianza di genere e la violenza sessuale, saranno affrontate.
"Non possiamo permetterci di abbassare la guardia", ha detto Margaret Chan, Direttore generale dell'OMS. "In molti paesi ad alto reddito il problema dell’HIV pediatrico è stato praticamente eliminato. Questo dimostra che ciò è possibile. L’OMS ha formulato nuove raccomandazioni in materia di prevenzione della trasmissione da madre a figlio che offrono un'importante opportunità per migliorare notevolmente la salute delle madri e dei bambini nei paesi a basso reddito ".
Il trattamento pediatrico per i bambini sieropositivi, nonostante sia in ritardo rispetto a quello per gli adulti, è aumentato fino a raggiungere il 38% della copertura totale, segnando un miglioramento di quasi il 40% in un solo anno. Dati recenti indicano che la diagnosi nella fase neonatale, nei primi 2 mesi di vita, e un inizio precoce del trattamento anti-retrovirale (ARV) può portare ad una significativa riduzione della mortalità infantile, ma i dati dimostrano che nel mondo solo il 15% dei bambini nati da madri sieropositive vengono sottoposti al test nei primi 2 mesi di vita.

“Per aumentare i test per l’HIV per mamme e bambini, abbiamo bisogno di affrontare ostacoli sociali come la violenza, la stigmatizzazione e la discriminazione, e di rafforzare i sistemi sanitari", ha affermato Thoraya Ahmed Obaid, Direttore generale dell’UNFPA. “Attraverso la fornitura di servizi integrati per l’assistenza sanitaria materna e neonatale, attraverso la pianificazione familiare, i test per l’HIV, la consulenza e il trattamento, siamo in grado di migliorare e salvare la vita di milioni di donne e bambini”.

La situazione degli orfani a causa dell'HIV-AIDS continua ad essere un motivo di grande preoccupazione. Solo una famiglia su otto (in cui vi è la presenza di bambini orfani e vulnerabili) riceve aiuti esterni come cure mediche, assistenza finanziaria e incentivi per l’istruzione.

"I bambini hanno il diritto di nascere liberi dall’HIV”, ha detto Michel Sidibé, Direttore generale dell’UNAIDS. "Nessun costo è troppo elevato per salvare le vite di madri e bambini. Possiamo raggiungere questo obiettivo se si effettua un’azione di lotta contro l'AIDS rafforzando i servizi di salute materno-infantile".