affido

Il Molise ha una direttiva ad hoc

12 Febbraio Feb 2010 1218 12 febbraio 2010

Presentazione il 12 marzo, in un grande convegno

  • ...
  • ...

Presentazione il 12 marzo, in un grande convegno

Il Molise ha varato una nuova direttiva che per la prima volta disciplina in maniera organica l'affidamento familiare dei minori. «È la prima volta che la nostra Regione si dota di questo strumento, - spiega Lucia Viti, dirigente del Servizio minori della Regione Molise – ci sembrava perciò giusto lavorare a un documento di ampio raggio e che entrasse a fondo nello specifico».

La direzione nella quale ha puntato l'amministrazione regionale è stata quella di «un atto normativo molto accurato, prodotto di una discussione approfondita e di una concertazione con le altre realtà che si occupano di minori nella nostra regione». I diversi aspetti del testo sono stati rivisti e concertati con l'apporto della magistratura minorile, degli ambiti territoriali e del Tutore pubblico dei minori del Molise e alla loro stesura ha contribuito il gruppo di lavoro dell'Istituto degli Innocenti di Firenze che collabora con la Regione.

«La Regione – si legge – intende promuovere l'affido per limitare il ricorso alle istituzionalizzazioni e favorire politiche volte al contrasto dell’abbandono, attraverso l'adozione di strumenti diretti a favorire lo sviluppo del servizio sul piano organizzativo e metodologico». Le statistiche, esposte nell'appendice della direttiva, dicono che nel 2007 (ultimo anno disponibile) sono stati 79 i minori molisani “fuori famiglia”: 9 in affidamento consensuale, 6 in affidamento giudiziario e 64 affidati a varie strutture territoriali.

Il documento verrà presentato ufficialmente il 12 marzo, nell'ambito della campagna nazionale Un percorso nell'affido, nel corso di un seminario che si terrà a Campobasso, organizzato in collaborazione con la Regione Abruzzo.