Religioni

Il Papa, quel discorso sulla Sindone

14 Maggio Mag 2010 0200 14 maggio 2010

  • ...
9910Da4bef78da8e0b2316300ec1ba82
  • ...

Il 2 maggio a Torino il Papa ha reso omaggio alla Sindone. Nel discorso ha compiuto un leggero ma significatico scartamento rispetto al suo predecessore: ha parlato di «icona» e non di «reliquia». Uno scartamento che apre il significato della Sindone a tutti gli uomini, su cui è impresso il segno di un corpo che parla nel silenzio della sua comunque misteriosa origine.

Questo è il potere della Sindone: dal volto di questo "Uomo dei dolori", che porta su di sé la passione dell'uomo di ogni tempo e di ogni luogo, anche le nostre passioni, le nostre sofferenze, le nostre difficoltà, i nostri peccati - «Passio Christi. Passio hominis» -, da questo volto promana una solenne maestà, una signoria paradossale. Questo volto, queste mani e questi piedi, questo costato, tutto questo corpo parla, è esso stesso una parola che possiamo ascoltare nel silenzio. Come parla la Sindone? Parla con il sangue, e il sangue è la vita! La Sindone è un'Icona scritta col sangue; sangue di un uomo flagellato, coronato di spine, crocifisso e ferito al costato destro. L'immagine impressa sulla Sindone è quella di un morto, ma il sangue parla della sua vita. Ogni traccia di sangue parla di amore e di vita. Specialmente quella macchia abbondante vicina al costato, fatta di sangue ed acqua usciti copiosamente da una grande ferita procurata da un colpo di lancia romana, quel sangue e quell'acqua parlano di vita. È come una sorgente che mormora nel silenzio, e noi possiamo sentirla, possiamo ascoltarla, nel silenzio del Sabato Santo.