Gaza

"E' stata una vera aggressione, la versione israeliana è ridicola"

31 Maggio Mag 2010 1838 31 maggio 2010

Questo il commento di Vittorio Arrigoni, 35 anni di Cantù, cooperante, pacifista e volontario del Free Gaza Movement

  • ...
  • ...

Questo il commento di Vittorio Arrigoni, 35 anni di Cantù, cooperante, pacifista e volontario del Free Gaza Movement

“La versione israeliana è assurda. Israele sostiene che i suoi soldati sono stati aggrediti, ma le immagini che vengono trasmesse in queste ore dai media internazionali parlano chiaro: c’è stato l’assalto da parte delle forze speciali che si sono calate da un elicottero, e sono state queste ad aprire il fuoco sui passeggeri inermi. Non è possibile capire al momento l’esatta dinamica dell’incidente, ma l’idea che siano stati gli attivisti ad aggredire i soldati israeliani è semplicemente assurda”.

A parlare è Vittorio Arrigoni da Gaza, come riferisce il sito Osservatorioiraq.it, dove da tempo è impegnato come cooperante. In queste ore, insieme agli altri attivisti del Free Gaza Movement, sta seguendo le sorti della Freedom Flotilla, la spedizione internazionale intenzionata a forzare l'embargo su Gaza e assaltata la notte scorsa dalla marina israeliana.

“Siamo in costante collegamento con le imbarcazioni che si trovano ancora a Cipro, in attesa di partire per Gaza, ma non è possibile parlare con coloro che si trovano a bordo delle imbarcazioni sequestrate, e portate nel porto di Ashdod”, afferma Arrigoni sempre a
Osservatorioiraq.it.

Israele, intanto, afferma che a bordo delle imbarcazioni sequestrate vi fossero anche delle armi. “È un accusa ridicola – dice ancora Arrigoni - perché prima di lasciare i porti di partenza le navi vengono perquisite da cima a fondo, proprio per assicurarsi che nel carico non vi sia nulla di illegale. Ed è priva di fondamento anche l’idea della minaccia posta alla sicurezza di Israele, visto che le imbarcazioni erano pacificamente dirette verso Gaza, senza mai entrate in acque israeliane, e sono state aggredite mentre si trovavano in acque internazionali, a 75 miglia dalle coste della Palestina”.