aids

Scoperti tre potenti anticorpi

15 Luglio Lug 2010 1444 15 luglio 2010

I risultati di una nuova ricerca Usa aprono nuove strade nello studio della malattia

  • ...
  • ...

I risultati di una nuova ricerca Usa aprono nuove strade nello studio della malattia

Un team di scienziati americani ha annunciato la scoperta di tre potenti anticorpi, il più efficace dei quali neutralizza il 91% dei tipi di Hiv in circolazione.

I ricercatori hanno individuato tre nuovi anticorpi: i primi due (VRC01 e VRC02) contrastano la quasi totalità delle varianti di HIV (91%); il terzo è meno efficace (51%), ma sempre valido.
E' quanto risulta da una ricerca del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), in collaborazione con il National Institutes of Health, diretta dal dottor Gary Nabel e appena pubblicata sulla rivista "Science". Questa scoperta potrebbe accelerare la creazione di un vaccino efficiente contro il male del secolo.

Gli anticorpi sono stati scoperti nelle cellule di un 60enne afro-americano omosessuale, chiamato Donatore 45, i cui anticorpi sono prodotti naturalmente. Ora i ricercatori dovranno verificare la possibilità di creare un vaccino o un modo per stimolare ogni individuo a produrli.

“Ci vorrà del tempo”, fa sapere il leader dello studio Gary Nabel, direttore del Centro sulla ricerca dei vaccini del National Institute of Allergy and Infectious Disease.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Science alla vigilia della Conferenza di Vienna sull’Aids. Più di 33 milioni di persone sono affette da Hiv. Solo nel 2008, hanno contratto il virus 2,7 milioni di persone, secondo stime delle Nazioni Unite.

La scoperta, possibile grazie a nuovi metodi di individuazione degli anticorpi messi a punto di recente, giunge in un periodo ribattezzato da molti ricercatori come un “rinascimento” della ricerca sull’Aids.
Nel caso del Donatore 45, gli anticorpi non hanno prevenuto l’infezione in quanto il corpo ha cominciato a produrli naturalmente solo dopo l’infezione stessa. L’uomo convive con l’Hiv da 20 anni.

Per approfondire vai su Afronline