Ricordi

Raimon Panikkar, il sorriso dell'invisibile

10 Settembre Set 2010 0200 10 settembre 2010

Il filosofo catalano recentemente scomparso visto (e vissuto) da vicino

  • ...
E0e2e541f7fc0596bbdbb4fbc0492665
  • ...

Il filosofo catalano recentemente scomparso visto (e vissuto) da vicino

È stato un monaco. Ci ha ricordato che siamo tutti monaci, che non possiamo vivere senza cielo e senza terra. E che l'invisibile è un elemento costitutivo della realtà in cui viviamo.
Il suo pensiero, oggi, è uno strumento per capire in profondità i nostri tempi. E per non perdere la speranza
Scrivo di getto, forse in modo poco rispettoso verso chi, come Panikkar, lavorava anche venti anni su un testo. Talmente alta e profonda era la considerazione che dava alla "parola", al suo potere di creare o di distruggere.
Ma la notizia della sua morte mi ha raggiunto in viaggio ed è in questa condizione esistenziale che mi trovo a ricordarlo. Sento che è urgente ed importante provare a dire qualcosa di lui, provare a dirlo soprattutto ai giovani. Mi appiglio allora ai riferimenti della tradizione, per trovare un punto stabile di partenza.
Non può questo ricordo essere disgiunto dalla preghiera e dal senso degli avvenimenti.

Monaco sorridente
Il giorno della sua morte è santa Monica, la mamma di sant'Agostino. Monica come il nome di mia moglie, Monica come "monos", monaco.
Raimon Panikkar è stato un monaco, un monaco della contemporaneità, una persona che ha transitato l'universale archetipo del monachesimo attraverso le sfide della secolarità e di un mondo che dal 1918 ad oggi ha conosciuto il più radicale e accelerato cambiamento nella storia dell'umanità.
Un monaco sorridente, di una profondità spirituale vertiginosa, di una intelligenza fulminante, di una tenerissima umanità. Un monaco innamorato di Cristo, l'alfa e l'omega. Un monaco che ci ha ricordato che tutti siamo monaci e che non dobbiamo tradire questa vocazione profonda in ogni uomo. Uomo congiunzione tra cielo e terra, che non può vivere senza cielo (simbolo di Dio) e senza terra (simbolo del cosmo). Una visione trinitaria viva e che costituisce la struttura profonda del suo pensiero, ma soprattutto della sua vita.

Il cammino dell'altro
Ho conosciuto personalmente Raimon Panikkar nel 1994, invitato dall'amico don Arrigo Chieregatti a vivere insieme ad un piccolo gruppo di persone un tempo di silenzio, meditazione, preghiera e riflessione in un piccolo eremo sull'appennino emiliano, l'eremo della Trasfigurazione di Malfolle, nel bolognese. Con Arrigo avevo già avuto modo di conoscere negli anni 80 la vicenda, gli scritti e la vita di Hanry Le Saux, monaco benedettino che fondò un ashram nel sud dell'India all'inizio dello scorso secolo, le cui intuizioni indirizzarono il mio inquieto spirito.
Fu per me commovente incontrare Panikkar, l'uomo che aveva vissuto a lungo con lui e con cui aveva condiviso profonde esperienze di dialogo e di preghiera. «Rispetta la gioia del cammino dell'altro» questa è la breve frase che si trovava all'ingresso dell'ashram indiano e che si trova ancora all'ingresso della comunità di famiglie in cui vivo.
È stato un passaggio importante della mia vita, malgrado quell'esperienza non si sia ripetuta e lo abbia poi reincontrato per brevi momenti, Panikkar mi ha sempre fatto compagnia. Realmente. Non ci sono solo gli occhi dei sensi, ci sono anche quelli dell'intelletto e dello spirito.

L'eternità non è domani
Gli sono debitore di moltissimi "pensieri buoni" e del consolidamento di una visione di fondo nei confronti della realtà che aiuta a collocare le cose della vita in uno spazio ed in un tempo in cui possano respirare, trovare la propria forma ed essere soprattutto costantemente perdonate. Perché il significato del nostro esistere sta dentro la storia ma non è solo nella storia, l'eternità non è domani (altrimenti si chiamerebbe futuro) ma è accessibile in qualsiasi momento a tutti. L'invisibile è un elemento costitutivo e non alienabile della realtà.

Vocabolario per il futuro
Molto da attingere ci sarebbe dal pensiero di Panikkar per capire in profondità i nostri tempi, per non perdere la speranza, per rimanere svegli. Per continuare a benedire, per guardarli in una prospettiva che non sia solo schiacciata in una cronaca asfissiante.
Ci ha lasciato in eredità un importante vocabolario per il futuro. Un vocabolario che si radica nelle profonde tradizioni dell'umanità, ma che non rinuncia al "farsi nuovo di tutte le cose": cosmoteandrico, dialogo dialogale, interindipendenza, intraculturale, metapolitico, tempiterno, e poi ancora la salvezza intesa come realizzazione, la persona come nodo di relazioni, la conoscenza come il nascere con le cose, la vita come bios e zoe, il tempo come cronos e kairos, la realtà come intreccio inscindibile di visibile e di invisibile. Parole e modi di dire che si sono incrociati ed arricchiti in molte lingue dell'oriente e dell'occidente, della storia passata e della modernità. Panikkar pensava, parlava e scriveva in una ventina di lingue.

Il mito dell'armonia
Parole ed immagini nate dalla vita, dalla preghiera, dal pensiero e dall'azione, di un mistico che sono certo lascerà profonde tracce nei prossimi duecento anni dell'umanità.
Il pensiero e la vita di Panikkar sono una speranza per l'oggi e per il futuro perché affondano le loro radici nel vero che desidera l'unità senza negare la pluralità; in fondo questo è il mito dell'armonia di cui Panikkar è stato un cantore creativo e a cui ha dedicato l'intera vita. In particolare ai giovani e a chi non ha mai letto nulla di Panikkar, consiglio, per avvicinarsi alla sua persona e al suo pensiero, il libro L'esperienza di Dio reperibile nelle edizioni Queriniana.
Molti giornali hanno dato spazio a questa morte, dando notizie sulla sua vita e sul suo pensiero. Non aggiungo quindi niente altro. Dedico queste mie parole a Raimon con la speranza che continui a pregare per noi.