CONSUMI

Il presidente del Parlamento Ue sostiene il Fair trade

17 Maggio Mag 2011 1808 17 maggio 2011

Altromercato sottolinea le dichiarazioni di Jerzy Buzek in occasione della Giornata mondiale del commercio equo e solidale

  • ...
  • ...

Altromercato sottolinea le dichiarazioni di Jerzy Buzek in occasione della Giornata mondiale del commercio equo e solidale

Il riconoscimento viene da Jerzy Buzek, presidente del Parlamento europeo che in occasione della Giornata mondiale del commercio equo e solidale ha ribadito l’importanza del settore e il ruolo delle organizzazioni del fair trade che con il loro operato ogni giorno lavorano per un sistema economico più equo, per dare dignità ai produttori del Sud del Mondo e offrire maggiore consapevolezza ai consumatori.

Lo sottolinea in una nota Ctm Altromercato , la principale organizzazione di fair trade presente in Italia fondata nel 1988: un consorzio composto da 125 cooperative e organizzazioni non-profit che promuovono e diffondono il commercio equo e solidale attraverso la gestione di 350 negozi “Botteghe del Mondo”, diffuse su tutto il territorio italiano.

Secondo Jerzy Buzek «Il World Fair Trade Day offre l’occasione al Parlamento europeo di dimostrare il proprio sostegno alle organizzazioni di fair trade e il loro operato». Il mondo del World fair trade organization (di cui Altromercato fa parte) è fatto di volontari, attivisti e attiviste si adoperano per aumentare la consapevolezza dell'importanza della scelta dei consumatori nel sostenere i produttori e lavoratori svantaggiati del Sud del Mondo (Asia, Africa e Sud America).«Il Commercio equo e solidale non vuol dire carità: si tratta di offrire opportunità di lavoro e di sviluppo concrete per sconfiggere lo sfruttamento e l’emarginazione dei più deboli: bambini, donne e popolazioni indigene», ha aggiunto Jerzy Buzek.

In Europa si svolgono tra il 60% e il 70% delle vendite globali del commercio equo. Il sostegno da parte del Parlamento europeo al fair trade riflette chiaramente l’atteggiamento dei cittadini, che attraverso i certificati e le etichette possono scegliere consapevolmente i prodotti del commercio equo e solidale. «Sono molto orgoglioso che il Parlamento europeo abbia partecipato attivamente al dibattito attraverso le sue discussioni politiche e risoluzioni, dimostrando il forte impegno in questo senso. Anche le nostre mense e ristoranti offrono una vasta gamma di prodotti certificati Fairtrade», ha concluso il presidente del Parlamento europeo. «La consapevolezza dei consumatori può essere uno strumento potente per la costruzione di un mondo più equo e celebrare la Giornata mondiale del commercio equo e solidale serve come promemoria del cambiamento che le nostre azioni ogni giorno possono portare. Noi in quanto consumatori, possiamo attivamente contrastare la povertà e la schiavitù utilizzando un carrello della spesa, come arma».