Co2

Record di gas serra nel 2010

30 Maggio Mag 2011 1423 30 maggio 2011

Lo denuncia l'Agenzia internazionale per l'energia: «impossibile raggiungere gli obiettivi di Cancun»

  • ...
F51da090ec36e1fac70a008df279df33
  • ...

Lo denuncia l'Agenzia internazionale per l'energia: «impossibile raggiungere gli obiettivi di Cancun»

Livelli record per l'anidride carbonica (CO2) nel 2010. I più alti nella storia, secondo le ultime stime della International Energy Agency (IEA).

Dopo una flessione nel 2009, causata dalla crisi finanziaria globale, si stima una crescita delle emissioni pari a 30,6 gigatonnellate (Gt), un balzo del 5% rispetto all'anno precedente, quando i livelli raggiunti 29,3 Gt.

Inoltre, la Iea ha stimato che l'80% delle emissioni previste dal settore energetico nel 2020 sono già previste, prodotte da impianti che sono attualmente in funzione o in costruzione.

«Questo significativo aumento delle emissioni di CO2 ed la previsione di emissioni future a causa di investimenti in infrastrutture rappresentano una grave battuta d'arresto per le nostre speranze di limitare l'aumento globale della temperatura a non più di 2 gradi celsius» ha detto il dottor Fatih Birol, capo economista presso l'Aie che supervisiona l'annuale World Energy Outlook , la pubblicazione dell'Agenzia.

I leader mondiali hanno concordato un obiettivo: limitare l'aumento della temperatura a 2° ai colloqui sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite a Cancun nel 2010. Per raggiungere questo obiettivo la concentrazione a lungo termine di gas serra in atmosfera deve essere limitato a circa 450 parti per milione di CO2 equivalente, solo un aumento del 5% rispetto a circa 430 parti per milione nel 2000.

«Le nostre stime più recenti sono l'ennesimo campanello d'allarme», ha detto il dottor Birol. Che aggiunge: «Il mondo è incredibilmente vicino al livello di emissioni tale da non poter raggiungere i risultati attesi entro il 2020. Dati gli scarsi margini di manovra entro il 2020, a meno di decisioni coraggiose e decisive da prendersi al più presto, sarà estremamente difficile riuscire a raggiungere questo obiettivo globale concordato a Cancun».

Per quanto riguarda i combustibili, il 44% delle emissioni stimate di CO2 nel 2010 provenivano da carbone, il 36% dal petrolio, e il 20% dal gas naturale.

La sfida per migliorare e mantenere la qualità di vita per le persone in tutti i paesi, pur limitando le emissioni di CO2 è dunque fondamentale. Mentre la Iea stima che il 40% delle emissioni globali provenie da paesi OCSE nel 2010, questi paesi hanno rappresentato solo il 25% della crescita delle emissioni rispetto al 2009. I paesi non-OCSE - guidati da Cina e India - ha visto un aumento molto più forte delle emissioni, come la loro crescita economica accelerata.

Tuttavia, su base pro capite, i paesi OCSE hanno emesso 10 tonnellate, a fronte di 5,8 tonnellate per la Cina, e 1,5 tonnellate in India.